Coro Farnesiano: un concerto per ricordare Domenica Cifariello

Nel giorno del suo compleanno, il Coro Farnesiano organizza una serata all’insegna della musica e del canto per onorare il ricordo di Domenica Cifariello arpista, cantante piacentina e insegnante dei corsi di propedeutica musicale del coro prematuramente scomparsa.

L’evento avrà luogo, questa sera, martedi 28 maggio, alle ore 21 presso la Chiesa di Santo Stefano a Niviano di Rivergaro

Tutte e tre le formazioni del Coro, Voci Bianche, Voci Giovanili e Voci Miste, dirette dal Maestro Mario Pigazzini e accompagnate all’organo da Giacomo Volpe e dal Gruppo Strumentale Farnesiano, saranno presenti.

Il programma della serata prevede l’esecuzione di brani di vari periodi storici: dal Barocco ai giorni nostri, da Palestrina a Rutter passando attraverso Schubert e Faurè.

 

le voci bianche a dare inizio al concerto con Jesu Rex admirabilis di Giovanni P. da Palestrina, un mottetto a 3 voci semplice, ma molto intenso.
Seguirà O felix anima per coro a tre voci, di Giacomo Carissimi figura di spicco nella musica barocca del XVII secolo. 
Sarà poi la volta de il Cantique di Gabriel Fauré, un canto solenne, dolce, pacato. A seguire d
i L. Sander il canto Rejoice in the Lord a cui farà seguito Irish blessing una commovente benedizione della tradizione irlandese: “Che possa il Signore custodirti sempre nel palmo della Sua mano”, musicata con semplicità e bellezza dal compositore inglese Bob Chilcott. 
Le voci bianche concludono con For the beauty di John Rutter: un canto di ringraziamento al Signore “Per la bellezza della terra Per la bellezza dei cieli Per la bellezza di ogni ora Del giorno e della notte, Signore a te eleviamo questo nostro inno di lode riconoscente “.

Sarà la volta delle ragazze del coro Giovanile che eseguiranno Lauda Sion Salvatorem di Dietrich Buxtehude. La sequenza Lauda Sion Salvatorem è una preghiera della tradizione cattolica e il cui autore è San Tommaso d’Aquino. L’ atmosfera si farà più intima e romantica con il Salmo 23 per coro femminile e pianoforte di Franz Schubert. Tra gli scritti più influenti della Bibbia ebraica, che costituisce l’Antico Testamento cristiano, c’è il libro dei Salmi di cui in particolare, il Salmo 23 che evoca l’immagine di Dio come Pastore, è spesso un messaggio confortante durante il servizio funebre Data la popolarità di questo Salmo, non sorprende che i compositori di tutte le epoche, tra cui Franz Schubert abbiano dato questo testo alla musica