Festival-Festival-Festival. Piccolo vademecum per districarsi al meglio tra i tanti festival musicali del piacentino

Estate, tempo di festivals. Alcuni sono già passati come il Noise Wave o il Low-L, o il Piacenza Jazz Fest di questa primavera, alcuni sono al rush finale come il Carpaneto Music Festival che ha portato/porta nella capitale internazionale della coppa, Carpaneto il suo viaggio tra i suoni da quelli del 600 fino ai nostri giorni.

Ognuno di voi/noi ha un gusto personale, a volte anche molto settoriale che porta a guardare spesso nella medesima direzione. Ecco, l’idea di pubblicarli tutti insieme  è  il tentativo di allargare lo sguardo  verso terreni, generi musicali che almeno inizialmente non attirano la nostra attenzione e chissà, magari trovare qualcosa di nuovo e diverso che ci entusiasma.

Ecco i festival. Non sono pochi.

Quattro, Festival Blues (per noi piacentini “Dal Mississippi al Po”), Val Tidone Festival, Orzorock, Summertime in Jazz, Festival Teatro Antico, Fillmore Summer Festival, MashUp Festival, SunRock Festival, Bleech Festival, Bascherdeis. Direi che non è poco. Aspettando news da Tendenze

Quattro: vogliamo cominciare dall’ultimo nato, il più rivoluzionario il più visionario  per luogo, modalità e intenti. Per questo motivo, non ce ne vogliano gli altri lo abbiamo anche scelto per la nostra copertina.  Si svolge a Capannette di Pey. Quattro per le 4 province e 4 regioni  che lì si incontrano. Quattro perché saranno chiamati a suonare gruppi provenienti da queste quattro regioni in un connubio perfetto di emozioni e voglia di far rivivere la montagna o per lo meno di tenerla sempre al centro del nostro cuore. (3-4  Agosto a Pey)

Val TidoneFestival (che è già iniziato ma il cui programma si articola lungo tutta l’estate nei borghi della Val Tidone: da Sarmato a Pianello. A cavallo tra la musica classica, lirica, jazz ed etno con alcuni passaggi pop. Ad esso è abbinato un concorso di valenza internazionale.  

Festival Blues (Dal Mississippi al Po): 15 anni di storia del blues lungo le sponde del nostro grande fiume. Un festival che unisce la musica al cinema alla letteratura alla fotografia. Un collage di grandi nomi fra le mura del capoluogo della bassa: Fiorenzuola d’Arda.

Orzorock: il festival più woodstockiano del piacentino. Nato in un campo d’orzo in quel di Gragnano, trasfertosi sulla sponda trebbia lo troviamo ancora lì dopo 20 anni a proporre musica rock d’autore (Sabato 6 luglio a Gragnano trebbiense)

Summertime in Jazz: la propaggine estiva del nostro Festival Jazz. Un festival itinerante che dalla bassa val d’Arda (Cortemaggiore) ci porta fino nei paesi dell’alta val Trebbia (Cerignale), nel quale il Jazz si fa tramite di un collegamento spirituale tra l’uomo e il suo territorio.

Festival Teatro Antico: Nella fantastica cornice delle terme romane di Veleja Romana, il Festival racchiude in sé la bellezza di un matrimonio perfetto tra letteratura, teatro, storia, musica.

Fillmore Summer Festival: Il mitico e storico, mai dimenticato locale di Cortemaggiore da il nome a questo festival. Grandi nomi della circuito nazionale abbinati a tanti musicisti nostrani per tenere alto e vivo lo spirito di quel luogo che è stato l’emblema della musica non solo per noi piacentini. (19-20-21 luglio a Cortemaggiore)

MashUp Festival: A Spazio 2 luogo della creatività, degli incontri tra progetti, idee, voglia di stare insieme. Un progetto  per far uscire le tossine della città per rivitalizzare lo spirito attanagliato dal morso della calura estiva. (5-12-19 luglio a spazio 2 Pc)

Irlanda in Musica Bobbio Irish Festival: San Colombano crea un ponte ideale tra due terre lontane per tradizioni, usi, costumi e... musica. Un santo che unisce l'Europa. Bobbio è l'altro capo del filo che si dipana lungo sentieri, vallate e montagne. L'Irish Festival è uno dei punti di riferimento di chi ama il suono del fiddle, della Uillean pipe, del Bouzouki e dell'arpa. 

SunRock Festival: Da diversi anni Sarmato è diventato il punto di riferimento del Rockabilly della nostra provincia e non solo. Frotte di amanti del ballo acrobatico si riversano sulle sue balere. (12-13-14 luglio a Sarmato)

Bleech Festival: l’indie in tutte le sue forme. Niente lasciato al caso nel festival hipster che da Piacenza emigra in una dimora d’incanto come villa Barattieri di Albarola. Nomi importanti, ma anche mercatino di produzioni artigianali e letterarie per portare la visionarietà milanese, quella più mitteleuropea , quella che ci piace di più, nell’ambiente bucolico della provincia piacentina. (2-3-4 agosto Villa Barattieri di Albarola di Vigolzone)

Bascherdeis: tutti lo conoscono, tutti li aspettano, tutti li invocano. Ha portato nel piacentino il teatro di strada in tutte le sue forme in quel di Vernasca. La sua nomea si è fatta largo in tutta la regione raggiungendo i fasti del festival di Ferrara. La musica ne e elemento indispensabile. (26-27-28 luglio a Vernasca)