Il The Wall saluta l'inverno con 4 live

Un nuovo appuntamento al The Wall targato Orzorock Music con la collaborazione di Black Blood Brigade per chiudere questo inverno con tanto rock.
Una serata speciale denominata “Goodbye winter” che partirà già dalle 21.30 perché ci sono in scaletta ben 4 live. È in pratica, come lo hanno definito loro, una grande festa rock allargata, sia per il numero delle band sia per le svariate sfaccettatura di suoni che si alterneranno sul palco.

Le quattro realtà musicali che troveremo domani al The Wall sono Guignol, Misfatto, Huranova, Hochos, e ve le andiamo brevemente a presentare per farvi capire subito che cosa c’è da aspettarsi da questa chiusura dell’inverno in via Villani.

I primi di cui vi parliamo sono i Guignol, un progetto musicale nato quasi vent’anni fa e capitanato dal fondatore Pier Adduce, che torna a Piacenza in un momento speciale, quello del lancio dell’ultimo album dal titolo “Porteremo gli stessi panni”, uscito solo poche settimane fa. Il titolo è ripreso da una poesia di Rocco Scotellaro e rappresenta il 7° album della band rock-blues milanese.

Guignol

Sul palco troveremo anche i Misfatto, uno dei gruppi più longevi della storia della musica e del rock piacentino, che nonostante i vari cambiamenti di questi anni, ha mantenuto dritta la barra sulla stessa idea di musica, un alternative rock in italiano. Questa però è una linea guida, perché come ci dice il loro ultimo “L’uomo dalle 12 dita”, anch’esso freschissimo e che vi abbiamo presentato solo qualche settimana fa, le influenze dell’ultimo periodo sono tante a tal punto da aver creato un prodotto con delle basi solide ma molto attuale.

Misfatto

Il terzo gruppo di cui vi parliamo sono gli Huranova e con loro ci buttiamo molto di più sull’hard rock e heavy. Una band nata nell’inverno 2013 che oggi ripropone i loro live pieni di energia, con la voce di Carlotta Baroni, che stavolta portano una novità sul palco, infatti in questo “Goodby winter” saranno presenti una serie di nuovi pezzi inediti.

Huranova

In questa lunga serata troveremo anche una proposta pop punk, quella degli Hochos. Con loro arriva tanta energia passando dall’alternative al pop con al centro sempre il rock. Un mix di suoni che infatti arrivano da riferimenti molto diversi, dai Green Day ai Foo Fighters, da Chuck Berry ad Elvis Presley. Insomma una proposta da scoprire, portata sul palco da Riccardo Vinciguerra, Luke Hess, Alessandro Baldiati, Riccardo Dallagiovanna, Roberto Selvatici, Paolo Borlenghi e Luca Lavelli.