Nuovo nome, stessa passione: ecco Villa in fermento

Cambia e si rinnova l’evento che tutti gli anni la Pro Loco di Castel San Giovanni, in collaborazione con oratorio San Filippo Neri e il Comune di Castel San Giovanni, dà vita in questo periodo intermezzo fra la primavera e l’estate. Dall’8 al 10 giugno infatti Villa Braghieri torna ad illuminarsi e riempirsi gente e suoni. 

La novità grande novità è nel nome dell’evento che ora è diventato “Villa in fermento” e si realizzerà da giovedì a sabato di questa settimana. Come ha spiegato il Presidente della Pro Loco Sergio Bertaccini “si presenta con alcune importanti novità, a cominciare dal nome. Gli artefici di questa manifestazione, come sempre, sono i più giovani del nostro sodalizio. Quest’anno abbiamo voluto condividere queste tre serate con gli amici dell’Oratorio San Filippo Neri e la parrocchia. Avremo musica bellissima e birra abbinata al cibo”.

Come è stato spiegato da Matteo Bongiorni in conferenza stampa, il pieno delle attività per i ragazzi dell’Oratorio San Filippo è concentrato in estate ma nonostante questo hanno voluto anch’essi aderire di buon grado anche a “Villa in fermento”. Questo, ovviamente, nell’ottica di raccogliere fondi da destinare in beneficienza e fare qualcosa di bello e utile per la comunità.

Ma lasciamo la parte istituzionale per arrivare al succo (in tutti i sensi) della festa. Grandi protagoniste saranno le 4 birre che saranno in rappresentanza di 4 maggiori paesi produttori di birra: Belgio (Maes Pils), Irlanda (Guinnes), Germania (Kapuziner) e Stati Uniti (Foster’s).

Bandaliga

Ma finalmente la parte musicale che ci sta tanto a cuore! Giovedì la partenza sarà al ritmo delle grandi hit di uno dei più grandi rocker italiani, lui è Luciano Ligabue, e loro a reinterpretarlo sono i Bandaliga.

Lucky Fella

Conosciutissimi anche i protagonisti della seconda serata in Villa Braghieri, i Lucky Fella. Tutti provengono da una formazione musicale molto ampia che riescono a riportare in toto sul palco. Performance che vanno bel oltre quelle musicali toccando più volte il lato teatrale, in centrate sul repertorio della musica italiana.

Mandolin' Brothers

L’ultimo live del sabato sera toccherà ai Mandolin’ Brothers. Gli albori della band sono nel 1979 quando Jimmy Ragazzon e Paolo Canevari fecero da band supporter alla Treves Blues Band. Da lì il suono di tutta la band si è evoluto, fra cambiamenti nel gruppo e l’uscita e il ritorno, stavolta elettrico, del mandolino, per arrivare ad un suono più roots. Dopo quei cambiamenti sono arrivate decine e decine di date in Italia e all’estero, fino ad arrivare a Castel San Giovanni.

I cancelli ogni sera saranno aperti a partire dalle 19:00 con un biglietto di ingresso di € 3,00 (escluso il costo per il cibo). Chi entrerà per cenare e uscirà prima dei concerti (si suona a partire dalle 21:00) sarà rimborsato del prezzo d’ingresso.