Quattro Festival. 2° puntata: le altre 6 band e poi perché ci piace così tanto!

Bastano poche parole prese dal sito web per convincerci ancora di più, qualora fosse necessario, a partecipare a questo festival!

Lo amiamo già dalle intenzioni, dal vivo sarà una bellezza e domenica (purtroppo, o per fortuna, domani siamo ad un altro bel festival: il Bleech!) saremo in quel di Pey!

L'acqua è gratis: porta una borraccia;
Guarderemo le stelle: porta una copertina;
Siamo a 1100 metri: porta una felpa;
Per dormire: porta una tenda da piantare gratuitamente solo nelle aree segnalate, oppure consulta la sezione "Dormire" del sito;
No grigliare;
Fumi? non gettare in giro le tue sigarette, il mondo non è tuo;
Il Festival inizia Sabato a mezzogiorno con l'apertura della cucina e finirà domenica alle 16 con l'ultimo gruppo;

E ancora nella sezione "RAZZISMO" troviamo:

Lo scopo dell’evento è l'incontro di culture diverse quindi anche di diversi generi musicali, dialetti, gioie e incazzature delle diverse vite nelle proprie regioni; quindi, se qualcuno avesse dei problemi con:

- generi musicali come l'elettronica, il punk, il rap, il reggae, il grunge, il folk;
- la pelle di colore bianca, nera, gialla, arancione, rossa, maculata, aerografata;
- genovesi, piacentini, lombardi, pavesi, piemontesi, liguri, acquitermiani;
- bambini, uomini, gay, donne;
- cristiani, musulmani, raeliani, rettiliani, atei;
- il mondo in generale;
venga lo stesso che passerà tutto dopo un bicchiere di rosso genuino. 

Gli unici che non potranno venire saranno le persone che vorranno mettere fretta o calpestare le libertà degli altri imponendo la proprie ragioni al di sopra del resto. L’obiettivo della giornata è di far rallentare il tempo vivendo in una convivenza serena queste 24 ore.

VI AMIAMO GIA' E SOLO PER QUESTO!! Ma adesso ecco la musica, ovvero le secondo 6 band ( la altre 6 le abbiamo già presentate e le trovate qui:)

DAY AFTER RULES, da Lodi (Lombardia) sicuramente il loro punk non ha mai suonato così in alto e in luoghi così sperduti. La dolcezza dei paesaggi verrà contaminata dal loro approccio sanguigno alla musica che credono ancora capace di dissetare molte anime alla ricerca di qualcosa di speciale. Pace, Amore, Passione, Dolore ed Empatia sono i loro punti fermi e "Atarassia" il loro cd fresco fresco di stampa.

SANTAMADDALENA: con loro si ritona a casa in Emilia Romagna. Vero gruppo grunge proveniente dalla bassa piacentina con influenze punk, alternative rock e rock acustico. Energici, passionali e ruspanti al punto giusto.

LA QUADRILLA: dal Piemonte. Una musica d’autore dove ritmi incalzanti si alternano ad atmosfere psichedeliche creando situazioni che portano a riflettere e al contempo ad urlare la propria rabbia. E dichiarano: "in un mondo dove mafia, inquinamento e razzismo la fanno da padroni, le nostre non nNon semplici canzoni di protesta o denuncia, ma una vera e propria “guerrilla culturale” condita con un pizzico di sana ironia. Nicola Lollino alla voce ed al mantice, Toni Urzì alla chitarra armoniosa, Gianni Pitzalis ai ritmi incalzanti, Amedeo Saluzzo alle corde grosse.

PALINURUS ELEPHAS: da Varzi quindi Lombardia. gruppo indie pop rock. Al loro attivo un paio di CD e una sfilza notevole di concerti. Li volete ascoltare in anteprima... clicca qui Palinurus Elephas - Adatta a tutto

QUARANTENA: da Piemonte. Ancora un gruppo punk che troverà rifugio tra le montagne della val Boreca. Hanno alle spalle tre album: “L’epoca dei sogni” (album autoprodotto del 2007), “Tre”, del 2010 per l'etichetta This is Core, e  "I miei idoli" del 2015, Rocketman Records (in collaborazione con Samoan records). Qui potete ascoltare QUARANTENA - Censurato (by Thistle)

UNO SFIZIOSISSIMO PROGETTO: Combact Rock a go-go. Scorretti e anarchici al punto giusto per entrare di diritto fra le band che inaugurano un festival, il Quattro Festival, al quale auguriamo lunga, anzi, lunghissima vita!