Sottosopra al Bleech: Cambia tutto!

Bleech Festival, la rassegna dedicata alla musica e alle arti giovanili che nasce nel 2015 e cresce nel cuore del centro storico di Piacenza, svela le prime carte dell’Edizione 2019.

“Guarda da qui le luci della città”: è con una citazione del cantautore Coez che Propaganda 1984 presenta una quinta edizione speciale con due importantissime novità: nuove date, dal 2 al 4 agosto e nuova location, Villa Barattieri, ad Albarola di Vigolzone.

In 4 edizioni una direzione artistica lungimirante e coraggiosa, ha saputo fare di Bleech Festival un punto di riferimento per gli appassionati di musica di tutto il Nord Italia, affiancato da alcuni storici festival organizzati nelle grandi città italiane. Negli ultimi 4 anni, infatti, il palco della rassegna piacentina ha ospitato artisti che nel biennio 2018-2019 hanno prodotto 8 Dischi di Platino e 7 Dischi d’Oro (Canova, Ex-Otago, Carl Brave x Franco126, tra i tanti).

Un risultato unico per un evento fondamentale per la Città di Piacenza, come confermato dalla grandissima affluenza

Siamo orgogliosi del lavoro fatto finora, e la scorsa edizione è stata per noi uno spartiacque” - spiega Associazione Propaganda 1984 - “Da un lato una crescita costante da parte del pubblico e degli addetti ai lavori, dall’altra una nuova, importante consapevolezza che ci ha portati a un bivio.

Bleech è un evento che in 4 anni ha portato a Piacenza decine di migliaia di persone, portando sul palco artisti che hanno poi riempito palazzetti, vinto Dischi d’Oro (e di Platino), e conquistato persino Sanremo. In 4 anni abbiamo aiutato a riqualificare il Parco della Cavallerizza, creando aggregazione e cultura, diffondendo idee e socialità. Lo scorso anno abbiamo riaperto, dopo decenni di abbandono, l’Ex-Monastero di S. Agostino (per il quale ringraziamo Cassa Depositi e Prestiti, che ci ha concesso l’uso di tutto il complesso a titolo gratuito). Un edificio pazzesco in pieno centro storico, che abbiamo riempito di musica, giovani e bellezza. In questo percorso, grazie al continuo appoggio di un Team di oltre 50 volontari e alla fiducia che il nostro pubblico ci ha continuamente concesso, le soddisfazioni sono state tantissime.

Purtroppo numerosi ostacoli, sommati alle complessità burocratiche legate all’organizzazione di un evento come Bleech Festival a Piacenza, ci portano a decidere di lasciare la Città per questa 5° Edizione, non riuscendo a trovare quel clima disteso, interessato e collaborativo che il nostro Festival oggi merita.

Cogliamo l’occasione per ringraziare tutti i nostri storici partner, fra cui la Fondazione di Piacenza e Vigevano, che ci hanno aiutato a portare Piacenza sui principali organi di stampa nazionali. Il ringraziamento più importante va ad Associazione Villa Barattieri e al Comune di Vigolzone, che hanno accolto a braccia aperte la sfida di ospitarci”.

Dunque un “arrivederci” al luogo natale di Bleech Festival, alla ricerca di una nuova avventura e di una nuova cornice per la bellezza raccontata dai ragazzi di Propaganda 1984, organizzatori del Festival.

Confermata la formula dei 3 giorni: dal 2 al 4 agosto un ampio ventaglio di proposte popolerà i vigneti di Villa Barattieri, ad Albarola di Vigolzone. Dalla musica indipendente alle degustazioni di vino, passando per mercatini, laboratori per bambini. Il tutto farcito dalla consueta proposta di street food curata da Street Food People, storico partner dell’evento.

Così Bleech, con la sua musica non alla moda, si trasforma in un ballo a cielo aperto dove il tepore estivo accarezza la pelle, facendosi tenere per mano, cullati da questa magia, per guardare le luci della città in lontananza. Un fiore che sboccia all’aria aperta, che ha come sfondo il verde dei Colli Piacentini e i suoi prodotti. Una fuga romantica dalla città verso un luogo idilliaco, dove il profumo del vino sposa la natura, tra i vigneti della val Nure e di Villa Barattieri

“Dal 2012 come Associazione Villa Barattieri ci impegniamo a valorizzare e promuovere il territorio piacentino - dichiara Francesca Nobili Vitelleschi, Fondatrice - I momenti più belli nella storia dell’associazione sono quelli condivisi con artisti, artigiani, musicisti che negli anni abbiamo incontrato grazie agli eventi ospitati. Questo ci rende orgogliosi di essere la location che accoglierà questa nuova versione di Bleech Festival. Abbiamo imparato a conoscere il Festival in qualità di produttori di vino, ad apprezzarlo per aver portato a Piacenza qualcosa di nuovo. Quest’anno il nostro ruolo cambierà radicalmente, il Festival che negli anni ha indovinato artisti, ha attirato persone dal Nord Italia e fatto divertire i piacentini incontrerà i giardini, i vigneti e l’atmosfera di una villa del Settecento. Noi siamo curiosi di vedere cosa succederà.”