Spirit Gospel Choir: a Bobbio, un concerto per innalzare lo spirito

Lo Spirit Gospel Choir ritorna a Bobbio dove loscorso anno aveva lasciato il segno nei cuori e nelle menti delle persone che avevano assistito al concerto.
Fra queste persone lo stesso sindaco, Roberto Pasquali, che ricorda: "La serata era stata così positiva e partecipata che non ho avuto un attimo di
esitazione. È importante che il messaggio di forte speranza che porta con sé il Gospel possa diffondersi. Questo coro poi mi è subito piaciuto perché lo fa con un’energia e una carica speciali." E lo scorso, sull'onda dell'emozione aveva fatto la promessa di volere ancora lo Spirit nella capitale della Val Trebbia, promessa che ha mantenuto. 

Così questa sera, 9 agosto,  alle ore 21.00 in Piazza Duomo, lo Spirit Gospel Choir abitanti e villeggianti, ma speriamo tanti altri appassionati di musica potranno ascoltare e partecipare al concerto.

Esatto, partecipare, perchè l conceto dello "Spirit" non si può solo ascoltare. Riesce a toccare corde profonde tanto che gli spettaori nonpossono essere che trasportati e, quindi, partecipare, al pari dei cantanti e dei musicisti, al concerto, che già dal titolo "You Raise me up" evoca questo senso di partecipazione e trasporto.

Il Coro sarà presente nel suo organico più ampio, una quarantina saranno i coristi, con Andrea Zermani e Anna Chiara Farneti nel ruolo di direttori e con la band (Francesco Lazzari alle tastiere, Stefano Sarchi alla chitarra, Nicola Stecconi al basso elettrico e Marco Bianchi alla batteria) che accompagnerà dal vivo. 

Video: Halleluja (Concerto di Travo nel Summertime in Jazz 2014)

Le parole di Andrea Zermani sono emblematiche del leame e dello spirito con cui viene approcciato questo spettacolo:
“Oltre al grande piacere di tornare a Bobbio, un posto di cui abbiamo un bellissimo ricordo, la serata per noi è doppiamente speciale perché sarà anche l’occasione per  festeggiare un traguardo importante: i nostri primi cinque anni insieme.”

E continua: "Spirit infatti è nato proprio nell’estate del 2012 da diversi stimoli che mi erano arrivati e soprattutto dalla voglia di un gruppo di amici di condividere la loro passione per la musica, in particolare per il Gospel che ha dei benefici effetti taumaturgici sia per chi canta sia per chi ascolta.”
"Il bilancio di questi primi 5 anni di vita del coro è estremamente positivo: tanti incontri speciali, con persone di grande umanità e profondità che dedicano la loro vita al Gospel, sia Oltremanica che Oltreoceano, tanti nuovi amici incontrati per strada, un gruppo sempre più coeso che si sente una grande famiglia allargata e tanti progetti. Ma più che al passato noi guardiamo sempre al futuro e ai tanti progetti sempre in cantiere. Il prossimo che ci sta più a cuore a cui stiamo lavorando con passione e dedizione è il nostro primo CD, che uscirà in autunno.”