Torna SoupArt: a Chez Moi con Esse Bi e Lucios

Dopo il primo appuntamento a Spazio2 di un mese fa, i ragazzi di Sputnik tornano a proporre un nuovo momento che unisce la musica all’arte e stavolta lo fanno allo Chez Moi di Piazza Borgo. Se per il primo evento la proposta artistica veniva da fuori Piacenza, quella di Anna Vezzosi in arte Maribulan, e invece quella musicale era di Accumulaton of sounds (aka Iacopo Pelagatti, organizzatore e creatore di questa serie di incontri), stavolta le provenienze si invertono.

Per quanto riguarda la parte visiva al centro dell’attenzione ci saranno le opere “piacentine” di Esse Bi (all’anagrafe Silvia Bertolamei) che nel corso del tempo ha cominciato ad usare la macchina fotografica per “esorcizzare l'inquietudine, dove interiorità, paure, ricordi, consuetudini di senso e abitudini della visione sono così decostruiti e ricomposti, miscelati e rimescolati con l'intento di attentare lo spettro visivo e destabilizzare. Come ci ha spiegato: “principalmente sono fotografie realizzate con varie tecniche: polaroid manipolate e solarizzate, immagini realizzate in camera oscura intervenendo manualmente sui negativi sezionandoli e riassemblandoli. Poi ci saranno immagini scattate in analogico e stampate in cianotipia, ovvero uno dei primi metodi di stampa fotografica”.

La parte sonora invece vedrà di scena un’artista che viene “da fuori”, stiamo parlando di Lucios. Il suo djset viene descritto come un set elettronico ballabile e di frontiera, arricchito dai soundscape delle Dolomiti, registrati da lui stesso e recentemente presentati al Museo Civico di Belluno.