Tra glorie folk e musica sperimentale: il ricco programma di Musiche Nuove

Tanto per marcare il territorio sarà il sitar di Leo Vertunni, la tabla di Federico Sanesi il flauto bansuri di Nicolò Melocchi con il loro JUGALBANDI TRIO ad aprire il programma della stagione 2019 di Musiche Nuove a Piacenza.

Musiche Nuove, nasce dall'idea di Associazione Novecento con l'intento di portate a Piacenza, come dice il direttore artistico Max Marchini, "musicisti di altissimo livello che hanno e stanno segnando la storia della musica a livello mondiale, musiche sperimentali, e attraverso di questi, portare a Piacenza un pubblico nuovo non solo piacentino".

Si comincia sabato 28 settembre ore 21:30 auditorium fondazione Piacenza e Vigevano (ingresso gratuito) con appunto JUGALBANDI TRIO indian classical music. Il trio propone musica classica indiana di tradizione millenaria, modificata in una originalissima semantica contemporanea che rende l’immensa dolcezza e intensità dei raga tradizionali hindustani, rendendoli fruibili anche ad un pubblico di non esperti. Lo stesso giorno del concerto esce il loro album” Confluence” per la Unifaun Production, che presenteranno in anteprima assoluta.

Venerdì 4 ottobre ore 21:30 sempre presso auditorium fondazione Piacenza & Vigevano ingresso gratuito sarà la volta di KEITH CHRISTMAS nella sua unica data italiana. 
Keith Christmas è un songwriter inglese, classe 1946, apprezzato dalla critica come una delle voci più originali della scena folk degli anni 60. Virtuoso della chitarra acustica.
la sua straordinaria tecnica fu notata da David Bowie che lo volle nel suo famoso album “Space Oddity”. Dopo album soliti di grande successo, venne scriturato alla Manticore per la quale incise dua album sotto la produzione di Greg Lake e Pete Sinfield. Da qualche anno è tornato sulle scene e in questi giorni è uscito l’album “Life, Life” che presenterà durante la serata piacentina. 

lunedì 21 ottobre ore 21:30 ci si sposta al Conservatorio Nicolini (ingresso €10 prevendita Alphaville Piacenza), per FRED FRITH TRIO + JOHN GREAVES & ANNIE BARBAZZA.
Fred Frith è considerato dalla critica internazionale tra i cinque musicisti più importanti della scena musicale contemporanea.  Instancabile pioniere della musica nuova, visionario polistrumentista, rispettato compositore definisce un talento che non si esaurisce certo tra le sei corde della chitarra. 
Fred si distingue negli Henry Cow - fondati assieme a John Greaves nei primi anni 70 - e in collaborazioni con i più importanti musicisti fra i quali Mike Oldfield a Robert Wyatt, Lol Coxhill e Brian Eno. 
Fred arriva a Piacenza con il suo Trio in occasione del 70th birthday Tour. Aprono il concerto due suoi amici e collaboratori: torna a Piacenza John Greaves, co-fondatore dei mitici Henry Cow e la musicista piacentina Annie Barbazza

Mercoledi 16 ottobre ore 21:30 Tuxedo Beer House è la volta di KERYGMATIC PROJECT Progressive Rock Trio. 
Tra le realtà più interessanti del nuovo progressive italiano, questo power trio ha già alle spalle premi e partecipazioni a molti festival pog. Piacenza già li conosce per aver infiammato la platea dell’Estate al Farnese nel 2018. Anche loro hanno un album in uscita che vogliono presentare. Le composizioni dei Kerygmatic Project risentono, infatti, dei vari contributi ricavati dal rock, dal pop, dal jazz, dalla fusion e dalla musica classica. 

Sempre al Tuxedo Beer House mercoledi 23 ottobre ore 21:30 si esibitanno i  Rilmhor gruppo di musica tradizionale irlandese ispirato alle grandi ensemble degli anni ‘70 (The Bothy Band, Plaxty, Chieftains). La band nasce nel 2019 dall’incontro di cinque musicisti appassionati e con una lunga esperienza nel campo della musica tradizionale. Propongono un repertorio in cui si alternano brani dolci e malinconici, come le composizioni del bardo irlandese O’Carolan, e set veloci e incalzanti di jigs e reels.

 Unica data italiana giovedì 31 ottobre ore 21:30 Conservatorio Nicolini ingresso gratuito, per i JEMAUR TAYLE + PRISKA
Jemaur Tayle, fondatore insieme a Caroline Crawley degli Shelleyan Orphan. Una band a dir poco originale a cominciare dal nome: Shelleyan Orphan deriva dal poema “Alastor: Or, the Spirit of Solitude”, del poeta inglese Percy Bysshe Shelley e fu proprio il condiviso amore per il poeta romantico inglese che unì i due componenti della band. Dopo la scomparsa di Caroline, Jem decide di tornare sulle scene assieme a due big della scena indie: Boris Williams, già batterista dei Cure, Thompson Twins e altri e il bassista Charlie Jones, da tempo con Robert Plant (Led Zeppelin) e vincitore di un grammy. Ha suonato con tante band e ora è in tour con Goldfrapp. A loro tre si uniranno amici per un concerto unico. Anche Jemaur è impegnato nella produzione del suo album solista, sempre allo studio Elfo. Aprirà il concerto la cantuautrice franco-friulana Priska, una delle voci più interessanti della msuica alternativa italiana, che presenterà il suo album appena uscito, “Soli che si Appartengono”.

Altra data da non perdere, e unica data italiana per PAUL ROLAND QUINTET + GIORGIO FICO PIAZZA BAND venerdì 15 novembre ore 21:30 location da confermare ingresso €10. 
Un glorioso ritorno quello di Paul Roland a Piacenza, in occasione dell’uscita del suo ultimo album 1313 Mocking Bird Lane. Per al prima volta si presenta con la sua band al gran completo che vede tra gli altri il mitico guru della psichedelia inglese Mick Crossley aka Flyte Reaction alla chitarra elettrica.
in apertura Giorgio Fico Piazza, il leggendario bassista della PFM. Anch'egli presenta il suo album appena uscito, (registrato live  all’Elfo di Tavernago)  dove ripercorre i brani della “sua” PFM, quella dei primi due album per intenderci. Una carriera quella di Giorgio Fico Piazza  che non si ferma alla PFM avendo suonato al fianco del Lucio Battisti, di Fabrizio de André, di Mina e di centinaia di situazioni che hanno fatto la storia del rock italiano.

L'ultimo concerto si terrà sabato 30 novembre ore 21:30 Conservatorio Nicolini ingresso gratuito  e vedrà protagonisti LINO CAPRA VACCINA + UNTITLED NOISE + TEMPUS FUGIT.
Ancora un doppio concerto per il gran finale della rassegna 2019 di Musiche Nuove a Piacenza, il leggendario percussionista e compositore Lino Capra Vaccina presenterà il suo nuovo album Perpetual Possibility, registrato con il duo Untitled Noise, una delle realtà più affascinanti dell’avanguardia europea. Lino Capra Vaccina, che la critca ha definito “il poeta dei silenzi”, è un richiesto ritorno per il pubblico di musiche nuove a Piacenza, avendo dato uno dei concerti di maggior successo della terza edizione della nostra rassegna. Collaboratore di Franco Battiato, con cui ha formato la band “Telaio Magnetico”, fondatore degli Aktuala, formazione seminale del minimalismo italiano, Lino è anche un apprezzato percussionsta che ha militato nell’Orchestra Filarmonica della Scala. Lino Capra Vaccina introdurrà anche una secondo concerto che sarà tenuto dell’ensemble percussivo Tempus Fugit, formatosi all’interno del Conservatorio Nicolini.