Art And Illusion

E-mail
Facebook
Soundscloud

Il gruppo si è formato verso la fine del 1989 per iniziativa di Luca Sabia (Voce e Chitarre). La formazione iniziale, che include anche Fabio Antonelli (Chitarre), autoproduce un primo demo-tape "Art and Illusion" nel 1990. Nei tre anni che seguono la band si dedica quasi prevalentemente all'attività Live, circoscritta in ogni modo in un ambito locale; l'organico della band si allarga in prospettiva degli spettacoli dal vivo, includendo un altro chitarrista (Andrea Giganti), un bassista (Pier Mazza) ed un batterista (Dario Broglia), quest'ultimo poi diventa parte integrante del gruppo collaborando anche alle registrazioni del primo album ufficiale realizzate tra il marzo ed il novembre '92. Uscito verso la fine del 1993, "Monolithos" è prodotto e distribuito dalla casa discografica Mellow Records con cui gruppo firma un contratto di cinque anni. Il CD è registrato ed arrangiato presso "Studio Elfo" di Agazzano (PC), che in breve tempo diviene un punto focale nell'attività della band. La formazione ufficiale che partecipa alla realizzazione del primo lavoro è composta da: Luca Sabia (Voce e Chitarre), Fabio Antonelli (Chitarre), Marco Morandotti (Tastiere), Dario Broglia (Batteria) e Alberto Callegari (Basso, nonché arrangiatore e titolare dello "Studio Elfo"), che da questo momento, con Luca Sabia, rimarrà l'unico membro stabile del gruppo. In questo periodo il repertorio Art and Illusion è composto dai brani originali tratti dal primo demo-tape e da "Monolithos", unitamente ad una serie di cover di band come Genesis, Marillion, Jethro Tull, Pink Floyd, etc… Dopo un periodo abbastanza difficile che vede alternarsi momenti di attività concertistica ad altri momenti di stallo dovuti ai continui cambi di formazione, il gruppo vive qualche mese di stabilità e produttività con una line-up che include, oltre a Luca Sabia, Fabio Antonelli e Alberto Callegari (come tecnico del suono), Barbara Martini (Tastiere e Cori), Elena Bensi (Basso) e Roberto Lupo (Batteria). Nell'Agosto del '94 Luca ed Alberto cominciano a registrare materiale per il nuovo album. Nell'Autunno del '94 vi è un altro cambio di formazione: Fabio, Elena e Roberto lasciano il gruppo e sono sostituiti da Alberto Callegari (che ritorna all'attività Live dopo un lungo periodo di tempo dedicato allo studio di registrazione) e da Paolo Lisè alla Batteria. La band è finalmente pronta per concentrarsi sulla realizzazione del nuovo disco. Dicembre '94 vede l'uscita della prima compilation di Tributo ai Genesis mai realizzata, prodotta dalla etichetta Mellow Records. Il gruppo partecipa al tributo con una cover version di "Lilywhite Lilith", brano estratto dall'album "The Lamb Lies Down On Broadway" del 1974. La formazione è ora stabile, Luca Sabia (Voce e Chitarre), Alberto Callegari (Basso, Mandolino, Tastiere e Cori), Barbara Martini (Tastiere e Cori) e Paolo Lisè (Batteria e Percussioni), tuttavia durante la registrazione del nuovo lavoro intervengono numerosi ospiti, tra cui Massimo Braghieri e Marco Morandotti (Tastiere). Il CD "Seasons", un concept album, è pronto prima della fine d'Autunno e sarà pubblicato verso la fine dell'anno, non prima però che il gruppo abbia il tempo di partecipare ad un'altra compilation, questa volta dedicata ai Van Der Graaf Generator, cui Art and Illusion contribuisce con la cover version di "Lizard Play" (tratta da "The Quite Zone/The Pleasure Dome" del 1977). I mesi che seguono sono contrassegnati da una intensa attività Live e dalla promozione del nuovo disco; la band inoltre partecipa ad un tour importante nel Nord Italia ed ad un tributo speciale organizzato a Venezia per Peter Gabriel. In queste occasioni il gruppo si distingue sia per i nuovi brani che per un repertorio di cover version molto curato e dinamico che, pur mantenendo i riferimenti alla musica degli anni '70, si arricchisce di influenze più attuali (Peter Gabriel come esempio più esplicito…). Ancora alti e bassi: ad inizio Primavera Barbara Martini lascia e si intensificano gli sforzi per ridefinire l'organico del gruppo che si concludono con l'arrivo di Mario Rossi (Chitarre) e Roberto Comaschi (Tastiere). Ma i problemi non sono destinati a finire, anche se le prospettive per il futuro (un tour di un mese in Grecia per l'estate del '96) sono allettanti. Nell'Agosto del '96 una formazione ridotta (Luca, Alberto e Paolo) parte alla volta di Rodi per affrontare un mese di concerti in terra greca. Per la prima volta durante i concerti della band viene introdotta una sezione di cover più "commerciali" ed una sezione dedicata alla ripresa del "Rocky Horror Show", con tanto di costumi di scena alquanto discinti; questa parte dello show rimarrà nel programma del live-act fino al gennaio del '97, suscitando molto interesse da parte del pubblico. Al ritorno dal tour vi è un nuovo cambio di formazione: Mario e Roberto lasciano e vengono sostituiti da Alessandro Bertonazzi (Chitarre), Max Bravi (Tastiere) e Barbara Cecere (Corista). L'attività Live della band è frenetica, la qualità tecnica e spettacolare delle performances è di ottimo livello; viene registrato qualche promo contenente materiale live e di studio (solo covers) destinato ai clubs; nelle performance dal vivo i brani di propria composizione cominciano decisamente a scarseggiare. La pressione sale e l'esigenza di proporre sempre più cover version allo scopo di ottenere più contratti con i locali di musica live minaccia di minare gli equilibri interni del gruppo, distogliendo l'attenzione dall'obiettivo originale di Art and Illusion: proporre musica propria. Sono questi i principali motivi che portano Luca Sabia, fondatore del gruppo, a decidere di interrompere l'attività della band nel Gennaio del 1997 e di lasciare il progetto Art and Illusion congelato in attesa di sviluppi futuri. A distanza di parecchi anni, nella primavera del 2004 Luca Sabia ed Alberto Callegari decidono di ritrovarsi per delle sessioni all'Elfo Studio con l'intento di produrre nuovo materiale... Nell'aprile del 2005 Art and Illusion ricompare brevemente sulle scene con un concerto unplugged che ripropone brani propri e cover (Led Zeppelin, Pink Floyd, Genesis, Jeff Buckley, Whitesnake...) e vede come attori Luca Sabia e Vittorio Dodi (Chitarra). Quest'ultimo, chitarrista storico del panorama rock piacentino fin dagli anni 70, aveva già collaborato con Sabia nel progetto "Fortune" (1997-2002) ed insieme a lui fonderà nel 2006 la band "Nagual" insieme a Massimiliano Fulgosi (Basso) e Carlo Cantore (Batteria), gruppo che prende significativamente il nome dal brano omonimo presente su "Seasons". (per informazioni www.nagual.eu ) É proprio con "Nagual" che Luca Sabia & Company ritornano a Elfo Studio da Callegari per registrare Demo, Cover e nuovi brani originali che riaccenderanno le braci del progetto "Art and Illusion". Primavera 2013... il viaggio ricomincia...

Photogallery

Non ci sono photogallery per questo contenuto