Marco Ray Mazzoli

E-mail
Facebook
Myspace
Non professionista

Marco "Ray" Mazzoli è un musicista blues che alterna la musica al lavoro di professore universitario di economia all’Università di Genova. Con varie formazioni, ha partecipato a numerose rassegne e festival blues e , nel 2003 alla trasmissione "Shownet", su RaiNews24 e RAI3. Ha suonato con Mattia Cigalini, star del jazz mondiale, Renata Tosi, Marco e Franco Limido, James Harman e tanti altri.
Il suo primo CD, “Happy to play the blues” (2009 M.A.P., Milano), che vede la partecipazione straordinaria di Mattia Cigalini al sax in qualità di Special Guest, è un percorso nel blues in tutte le sue accezioni, dalla tradizione del Delta, allo swing e al moderno Rhythm & Blues. Il CD contiene 10 composizioni originali di Marco “Ray” Mazzoli e le rivisitazioni pianistiche di due pezzi conosciuti al grande pubblico: Purple Haze di Jimi Hendrix e Mr Tamborine Man di Bob Dylan.
Il suo secondo CD, “Live (and alive) blues” (2010, M.A.P., Milano) è la registrazione live di un concerto tenuto da Marco “Ray” Mazzoli al Milestone – Piacenza Jazz Club, che vede di nuovo la partecipazione di Mattia Cigalini in qualità di special guest.
Subito dopo l’uscita di “Live (and alive) blues”, il pianoforte di Marco “Ray” Mazzoli ha accompagnato il famoso bluesman americano James Harman nel suo Italian tour 2010 insieme alla Family Style Blues Band.
Successivamente, nel 2010, 2011 e 2012, Mazzoli ha dato vita ad un altro progetto, concretizzatosi in una serie di concerti: “Rhythm & Piano Project”, in trio, senza basso, con la partecipazione di Mattia Cigalini in qualità di Special guest. In questi concerti, il particolarissimo uso ritmico-armonico delle note basse del pianoforte, intrecciandosi con la ritmica della batteria e con il groove del grande saxofonista piacentino, crea delle suggestioni molto particolari. Il progetto includeva numerose composizioni di Mazzoli e molte rivisitazioni in chiave swing di pezzi noti al grande pubblico.
L’ultimo progetto di Marco “Ray” Mazzoli, intitolato “Blues is everywhere” non è ancora un CD, ma uno spettacolo musicale, presentato in un trio. E’ un progetto che nasce dopo un lungo periodo di studio su nuovi arrangiamenti pianistici, nuove composizioni e nuove atmosfere. L’uso ritmico delle note basse del pianoforte di Mazzoli si intreccerà con la raffinata batteria di FEDERICO DELFINI e il solido e sanguigno basso di PAOLO GROPPI. All’origine del progetto l’idea che il blues sia parte integrante della musica attuale, poiché è fortemente presente nel jazz, nello swing, nel rock e nella musica leggera ed è armai anche entrato a pieno titolo nella musica europea ed italiana. Il blues europeo ed italiano annovera musicisti e compositori di buon livello, spesso non molto conosciuti... Certamente non è necessario atteggiarsi ad americani per fare del buon blues… L’espressione americana “I’ve got the blues” si riferisce ad un certo stato d’animo di travaglio esistenziale, che si manifesta in espressività artistica, sia attraverso la creazione proprie composizioni musicali, che nell’interpretazione particolare di temi noti… E questo va oltre le semplici “blue notes”.
Altre informazioni sui siti web www.marcoraymazzoli.com e www.myspace.com/marcoraymazzoli

Photogallery

Non ci sono photogallery per questo contenuto