VideoTime. Virtualizer: svolta elettronica per il ritorno dei Flowers

Li avevamo lasciati con Monna Lisa Store in cui risuonavano influenze brit. Poi qualche anno di silenzio nei quali gli impegni personali soffoccavano il tempo a disposizione per musica.
Ma, si sa, il richiamo della foresta è grande e scorre forte nelle vene. E così, Stefano Pastorelli & Co hanno tolto la polvere ai loro strumenti e sono usciti con quello, come ci ha dichiarato lo stesso Pastorelli:

"che dovrebbe essere il primo di una serie di singoli. Non più quindi un album intero ma vogliamo sfornare un singolo per volta. Vorremmo che il pubblico si concentrasse su una canzone per volta"

E la prima è Virtualizer!

Esatto. Abbiamo cercato di dare anche un'impronta diversa dedicata alla sperimentazione. Abbiamo fatto un lavoro di pre produzione con Cristiano Sanzeri andando a scovare dei loop nei quali il sintetizzatore fosse ben presente e sui quali la canzone potesse scorrere bene. Anche la formazione ha subito qualche piccolo ritocco. Infatti sono stato "promosso"  cantante oltre che nel mio usuale ruolo di chitarrista,  ed è arrivato a completare il gruppo Samuele invernizzi al basso. Poi ci sono sempre Matteo De Ieso alla batteria e Marco Termini alle tastiere.