I The Strikes di Joe Croci e i Kill Kenny chiudono il 2016 del Melville

48

Siamo arrivati agli ultimi due appuntamenti del 2016 per il Melville. Un anno molto lungo quello del locale di San Nicolò con il passaggio centrale del Festival del Rock d’Autore fra marzo e maggio. Una programmazione che vedrà la sua conclusione nei prossimi due venerdì.

[[{“type”:”media”,”view_mode”:”media_large”,”fid”:”7777″,”attributes”:{“alt”:”The Strikes”,”class”:”media-image”,”height”:”271″,”title”:”The Strikes”,”typeof”:”foaf:Image”,”width”:”480″}}]]

Il primo dei due appuntamenti vedrà di scena un ragazzo che al Melville è già passato un paio di volte e che nell’ultimo anno è diventato un personaggio di pubblico dominio, non solo a Piacenza ma in tutta Italia. Stiamo parlando di Joe Croci. Stavolta Joe non sarà da solo, ma insieme al suo nuovo gruppo formato insieme a Cristian Pinieri al basso e Jack Mondina alla batteria, dal nome The Strikes.
Una band nata da pochissimo che partendo dalla figura più conosciuta di Joe Croci e del suo “chitarra e voce”, completa la proposta con i suoni di una nuova sezione ritmica. Un live in cui non mancherà qualcosa del repertorio del talento che abbiamo conosciuto a The Voice, ma che incentrerà l’attenzione su una serie di famosissime cover.

[[{“type”:”media”,”view_mode”:”media_large”,”fid”:”7778″,”attributes”:{“alt”:”Kill Kenny Rock Show “,”class”:”media-image”,”height”:”240″,”title”:”Kill Kenny Rock Show “,”typeof”:”foaf:Image”,”width”:”480″}}]]

Per la seconda e ultima serata di dicembre, un altro gruppo che torna sul palco del Melville dopo qualche mese, loro sono i Kill Kenny Rock Show. Un gruppo di amici con la passione per il rock di stampo ’80 e ’90 (ma anche se le radici sono da ricercarsi ancora più in là nel tempo) e che per l’occasione, propongono una scaletta di ricordi musicali di quegli anni, con un obiettivo preciso: fare cantare i grandi classici della storia del rock degli ultimi 30 anni.
Ulteriore nota di curiosità è sul tipo di live che proporranno dal punto di vista tecnico. In questi mesi infatti i ragazzi hanno creato una performance un po’ diversa rispetto agli inizi, con uno spazio più ampio alla parte acustica a discapito di quella che si può definire da cassa dritta.