Trofeo Bettinardi: 7 marzo finale sezione Cantanti al Milestone

70

Sabato 7 marzo alle ore 21.15 al Milestone finale sezione cantanti del trofeo Bettinardi.

Si sfideranno sul palco del Milestone:
[[{“type”:”media”,”view_mode”:”media_large”,”fid”:”1987″,”attributes”:{“alt”:””,”class”:”media-image”,”height”:”120″,”style”:”float: left; margin: 5px;”,”typeof”:”foaf:Image”,”width”:”71″}}]]1) Claudia Buzzetti 21 anni, di Bergamo 
proporrà “Day In Day Out” di Rube Bloom,
“Love Dance” di Ivan Lins
e “This Foolish Things” di Jack Strachey;

[[{“type”:”media”,”view_mode”:”media_large”,”fid”:”1988″,”attributes”:{“alt”:””,”class”:”media-image”,”height”:”120″,”style”:”float: left; margin: 5px;”,”typeof”:”foaf:Image”,”width”:”80″}}]]2) Francesca Caruso anch’essa ventunenne di Palermo 
eseguirà “Embraceable You” firmato George Gershwin,
“You’d Be So Nice To Come Home To” di Cole Porter
e “How High the Moon”, parole di Nancy Hamilton e musica di Morgan Lewis;


[[{“type”:”media”,”view_mode”:”media_large”,”fid”:”1989″,”attributes”:{“alt”:””,”class”:”media-image”,”height”:”120″,”style”:”float: left; margin: 5px;”,”typeof”:”foaf:Image”,”width”:”71″}}]]3) Valentina Fin 23 anni, di Trissino in provincia di Vicenza, 
presenterà “Sometimes I’m Happy” di Victor Youmans,
“Night and Day” una delle canzoni simbolo di Cole Porter
e anche lei “Embraceable You” di Gershwin; 


[[{“type”:”media”,”view_mode”:”media_large”,”fid”:”1990″,”attributes”:{“alt”:””,”class”:”media-image”,”height”:”120″,”style”:”float: left; margin: 5px;”,”typeof”:”foaf:Image”,”width”:”80″}}]]4) Elena Friedrich Sciubba 28 anni di Roma, 
i
nterpreterà il brano del 1939 “All Or Nothing At All” scritto da Jack Lawrence Arthur Altman,
un brano strumentale in solo molto recente del pianista Brad Mehldau dal titolo “The Falcon Will Fly Again”
e “Ballad For Aisha” di McCoy Tyner;


[[{“type”:”media”,”view_mode”:”media_large”,”fid”:”1991″,”attributes”:{“alt”:””,”class”:”media-image”,”height”:”120″,”style”:”float: left; margin: 5px;”,”typeof”:”foaf:Image”,”width”:”74″}}]]5) Lorenzo Sansoni 24 anni, di Custer De Nobili, in provincia di Lucca, 
si presenterà con “Goodbye Pork Pie Hat” di Charles Mingus,
il celeberrimo tango “Oblivion” di Astor Piazzolla
e “Normalmente” del cantautore italiano Joe Barbieri;


[[{“type”:”media”,”view_mode”:”media_large”,”fid”:”1992″,”attributes”:{“alt”:””,”class”:”media-image”,”height”:”120″,”style”:”float: left; margin: 5px;”,”typeof”:”foaf:Image”,”width”:”86″}}]]6) Flavio Spampinato 23 anni di Roma 
canterà “With Every Breath I Take” della coppia Coleman-Zippel,
“Afro Blue” di Mongo Santamaria
e un suo brano dal titolo “African Echo”

 


i sei cantanti selezionati proporranno tre brani ciascuno, scelti liberamente, tra i quali per regolamento deve comparire almeno uno “standard”, e potranno avvalersi dell’accompagnamento del “Trio Bettinardi”, formato da 
Mario Zara al pianoforte, Alex Carreri al contrabbasso e Luca Mezzadri alla batteria.

Le esibizioni dei finalisti saranno valutate da una Giuria presieduta dalla cantante Diana Torto, splendida voce del Jazz italiano e insegnante al Conservatorio di Bologna oltre che ai corsi di alta formazione di Siena Jazz. La cantante nel pomeriggio del 7 marzo dalle 14.30 alle 17.30 e la domenica mattina 8 marzo dalle 10.00 alle 13.00, terrà un seminario di canto alla Milestone School of Music. In Giuria sarà coadiuvata dalle cantanti Betty Quartieri e Debora Lombardo, anche docente di Canto presso la Milestone School of Music, dal critico musicale e giornalista Eleonora Bagarotti e dal musicista e direttore di coro Andrea Zermani.

Il pubblico del Milestone sarà invitato a esprimere una preferenza, votando il cantante che ritiene più meritevole e determinando così l’assegnazione del “Premio del pubblico”, rappresentato da una targa offerta dagli organizzatori come riconoscimento del favore popolare.

Al termine di questa così come delle altre due finali di categoria saranno annunciati i nomi dei due vincitori, ma la graduatoria sarà resa nota solo in occasione del “Galà di premiazione”, in programma sabato 30 maggio presso lo spazio “Le Rotative” di Piacenza.  Al primo classificato andrà un premio in denaro del valore di 600 euro, un ingaggio al “Piacenza Jazz Fest 2016” e il “Premio Libertà”, al secondo 350 euro, oltre alla segnalazione su prestigiose riviste di settore per entrambi.