Video&FotoTime: Danilo Rossi e l’Orchestra Filarmonica del Conservatorio inaugurano il Festival Piacenza Musica

218

Sono stati la prima viola del Teatro alla Scala, Danilo Rossi, che ha diretto la neonata Orchestra Filarmonica del Conservatorio Nicolini, a tenere a battesimo il debutto del nuovo Festival Piacenza Musica.

Un debutto in grande spolvero con il Maestro Danilo Rossi che ha  amalgamato, cucito, coinvolto, guidato con piglio istrionico il concerto a tutto vantaggio dell’orchestra che ha espresso timbri, colori e verve comunicativa riuscendo a trasportare e coinvolgere il pubblico.

Un concerto con una dedica importante: “a chi non c’è più” in memoria delle tante vittime lasciate lungo il cammino da questa tremenda pandemia. Una dedica che si è trasformata in lirica con il brano di Paul Hindemith “Trauermusik per viola ed archi” dove, come ha spiegato lo stesso Rossi: ” il compositore ha ricordato la morte di Giorgio V d’Inghilterra. I 4 atti di questo brano coincidono con la notizia della morte, per passare attraverso il ricordo che sfocia in accettazione fino a diventare speranza per la vita ultraterrena.

Video: Paul Hindemith “Trauermusik per viola ed archi”

Il concerto è però iniziato con un brano di Wolfgang Amadeus Mozart: Sinfonia n° 29 in La Maggiore. Un brano vibrante, coraggioso, composto da un Mozart appena diciottenne

Video: Sinfonia n° 29 in La Maggiore di W.A. Mozart

Il programma si è chiuso con “Simple Symphony Op. 4” di Britten anche se non è mancata la sorpresa finale quando è stato proposto come bis “The great gig in the sky” dei Pink Floyd

Video: The great gig in the sky