Anche il Mei premia l’anno d’oro del mondo Orzorock

90

Un’annata da incorniciare quella di Orzorock e Orzorock Music. Dopo aver raggiunto, in piena salute, la ventesima edizione, aver messo su carta la sua storia tramite il libro “Orzorock XX – 20 edizioni di musica in Trebbia” e aver dato una nuova spinta nella direzione di dare maggior spazio a suoni nuovi nelle proprie produzioni, pochi giorni fa è arrivato anche il riconoscimento al Mei.

Una targa che è stata conferita direttamente nelle mani di Gabriele Gabi Finotti in occasione del Meeting delle Etichette Indipendenti che si è svolto nello scorso fine settimana. Una lode che va a premiare 20 anni di Festival Orzorock e che mette in luce anche la capacità dell’evento di avere un richiamo che vanno oltre i confini piacentini, come testimonia anche la collaborazione con il Varigotti Festival di Finale Ligure.

[[{“type”:”media”,”view_mode”:”media_large”,”fid”:”9941″,”attributes”:{“alt”:”Tutti insieme con la targa del Mei”,”class”:”media-image”,”height”:”288″,”title”:”Tutti insieme con la targa del Mei”,”typeof”:”foaf:Image”,”width”:”480″}}]]

A premiare il festival e la sua storia, è stato in prima persona da Giordano Sangiorgi, fondatore del MEI, insieme a Francesco Galassi a capo della Rete dei Festival e Guido de Beden della SofarSound Trieste. Dopo la premiazione, non poteva mancare il passaggio sul palco di quella che è la band che rappresenta più di tutte la storia rock di questi oltre 20 anni, i Misfatto (assente giustificata Melody Castellari) che in canna hanno il nuovo “L’uomo dalle 12 dita”, album che aspettiamo per gennaio 2018 (ma di cui saprete qualcosa un po’ prima. Ndr).

[[{“type”:”media”,”view_mode”:”media_large”,”fid”:”9942″,”attributes”:{“alt”:”Misfatto Live”,”class”:”media-image”,”height”:”288″,”title”:”Misfatto Live”,”typeof”:”foaf:Image”,”width”:”480″}}]]