Appennino Festival: con Degli Esposti e Nardella musiche della Via Francigena

221

Alla Via Francigena

è dedicato il concerto di oggi, ultimo in programma, della rassegna Appennino Festival.

Si intitola “Tripudiantes. Musica e danza lungo la via Francigena” e avrà luogo oggi, martedì 27 settembre dalle 18.45 fra il castello e la chiesa di Calendasco.

“Le Vie del Sale” portano a Calendasco Goffredo Degli Esposti (flauto bicalamo, cornamuse e tamburi) e Matteo Nardella (piffero, cennamella e percussioni) Rispettivamente cofondatore e collaboratore dell’Ensemble Micrologus, i due artisti propongono un repertorio basato sulle musiche e sulle danze del Medioevo legate ai temi del cammino e dei pellegrinaggi.

La serata proseguirà poi dalle 20 con la cena del pellegrino al Circolo Biffulus di Soprarivo di Calendasco, al guado di Sigerico: un luogo suggestivo che segna il passaggio di molti pellegrini fra la riva lombarda e quella emiliana in cui sono in programma altre sorprese musicali (per prenotazioni alla cena: 0523.771607)

Video: Goffredo Degli Esposti & Andrea Piccioni TRESCONE E SALTARELLO

Goffredo Degli Esposti è specializzato in ricerca, esecuzione e insegnamento di musica antica e tradizionale con strumenti a fiato: ha iniziato l’attività concertistica nel 1980, è cofondatore dei Micrologus e ha tenuto concerti sia in Italia che all’estero, suonando per i maggiori festival di musica antica. Il suo entusiasmo e la capacità di suonare vari strumenti della tradizione mediterranea (flauti dritti, traversi e obliqui, oboi popolari, cornamuse e zampogne) lo hanno portato a realizzare diverse esperienze musicali, collaborando con i Fratelli Mancuso, Ambrogio Sparagna, Giovanna Marini, Sonidumbra, i “Tamburi del Vesuvio” di Nando Citarella, Tetraktis Percussioni, Daniele Sepe, Vinicio Capossela, Héloïse Combes, Raffaello Simeoni, Giuliano Gabriele Ensemble.

Video: Matteo Nardella – La bombarda
 

Matteo Nardella invece suona la bombarda, il flauto doppio, il flauto, il tamburo e le cornamuse: ha curato le musiche dello spettacolo “Le Storie del Mediterraneo” di Amedeo Feniello e Alessandro Vanoli, presentato per la prima volta al Festival del Medioevo di Gubbio e ha collaborato con l’Ensemble Cantores Umbri e l’Ensemble Tentalora. È il cofondatore, direttore artistico e musicale dell’Ensemble MusiCanti Potestatis, collabora con l’Ensemble Laus Veris, l’Ensemble Aquila Altera e da diversi anni con l’Ensemble Micrologus e con la formazione di Alta Cappella Tripudiantes Potestatis.

In home  tutte le altre news!

 

Summertime In Jazz