Aroldo di Giuseppe Verdi | Teatro Municipale Piacenza

442
Aroldo di Giuseppe Verdi | Teatro Municipale Piacenza
TEATRO ALIGHIERI. Aroldo melodramma in quattro atti. Musica di Giuseppe Verdi, libretto di Francesco Maria Piave. Aroldo Luciano Ganci, Mina Roberta Mantegna, Egberto Vladimir Stoyanov, Briano Adriano Gramigni, Godvino Riccardo Rados, Enrico Giovanni Dragano. la voce di Mina Ermanna Montanari Orchestra Giovanile Luigi Cherubini Coro del Teatro Municipale di Piacenza direttore Manlio Benzi maestro del coro Corrado Casati drammaturgia e regia Emilio Sala e Edoardo Sanchi scene Giulia Bruschi costumi Raffaella Giraldi e Elisa Serpilli luci Nevio Cavina

Con Aroldo prosegue la stagione d’Opera al Teatro Municipale di Piacenza

Doppio appuntamento Venerdì 21 e Domenica 23 Gennaio alle ore 15.30

La Stagione d’Opera 2021/2022 del Teatro Municipale di Piacenza prosegue con Aroldo di Giuseppe Verdi, in scena venerdì 21 gennaio alle 20 e domenica 23 gennaio alle 15.30.

Il titolo verdiano, nuova coproduzione che vede unite le forze dei Teatri di Rimini, Ravenna, Piacenza e Modena, è stato scelto per celebrare la rinascita del Teatro Galli, colpito nel corso del disastroso bombardamento aereo del 28 dicembre 1943 e che solo nel 2018 è stato restituito alla città di Rimini dopo un’attenta ricostruzione.

Proprio nello storico teatro riminese Aroldo debuttò nel 1857: è dunque un ritorno a casa che, attraverso una “drammaturgia del perdono”, simboleggia anche una riconciliazione.

In quest’Aroldo la narrazione è intessuta delle vicissitudini del Teatro Galli: Emilio Sala ed Edoardo Sanchi, che curano drammaturgia e regia, hanno calato la vicenda in tempi moderni.

Aroldo di Giuseppe Verdi | Teatro Municipale Piacenza
TEATRO ALIGHIERI.
Aroldo melodramma in quattro atti. Musica di Giuseppe Verdi, libretto di Francesco Maria Piave.
Aroldo Luciano Ganci, Mina Roberta Mantegna, Egberto Vladimir Stoyanov, Briano Adriano Gramigni, Godvino Riccardo Rados, Enrico Giovanni Dragano.
la voce di Mina Ermanna Montanari
Orchestra Giovanile Luigi Cherubini
Coro del Teatro Municipale di Piacenza
direttore Manlio Benzi
maestro del coro Corrado Casati
drammaturgia e regia Emilio Sala e Edoardo Sanchi
scene Giulia Bruschi
costumi Raffaella Giraldi e Elisa Serpilli
luci Nevio Cavina

Il protagonista (il tenore Luciano Gancigià applaudito nel 2019 al Municipale di Piacenza ne La forza del destino) è ancora un reduce, non delle Crociate ma della campagna coloniale nell’Africa Orientale e il luogo dove si rifugia dopo la scoperta del tradimento della moglie Mina (il soprano Roberta Mantegnadi ritorno sul palcoscenico piacentino dopo Il corsaro nel 2018) è un borgo improntato ai valori del nuovo “ruralismo” fascista.

A introdurre la vicenda è la voce recitante di Ermanna Montanari, come se Mina stessa fosse intenta a ripercorrere il dramma nel suo intrecciarsi alla storia del Teatro Galli.

Egberto, padre di Mina, è il baritono Vladimir Stoyanov, di ritorno al Municipale dopo aver interpretato Ford nel Falstaff del 2020, mentre Adriano Gramigni e Riccardo Rados sono rispettivamente Briano, camerata di Aroldo, e Godvino, l’amante di Mina; Giovanni Dragano è il cugino Enrico.

Sul podio Manlio Benzi, alla guida dell’Orchestra Giovanile Luigi Cherubini, mentre il Coro del Teatro Municipale di Piacenza è preparato da Corrado Casati.

Giulia Bruschi e Nevio Cavina firmano rispettivamente scene e luci; i costumi sono di Raffaella Giraldi ed Elisa Serpilli, il montaggio video e le proiezioni di Matteo Castiglioni, mentre Isa Traversi cura i movimenti scenici.

Al contrario di quanto avviene nel Simon Boccanegra, creato sempre nel 1857, dove la riconciliazione tra Fiesco e Simone arriva troppo tardi per mutare l’esito tragico della vicenda, in Aroldo il finale è pieno di aspettative.

Sottolinea infatti il regista Emilio Sala: “la riconciliazione coincide con la ricostruzione del teatro.

Ciò che avviene sul piano individuale, nella relazione tra i due coniugi che alla fine sembrano potersi riconciliare, succede anche sul piano storico e simbolico con la riapertura di uno dei pochi spazi in cui la comunità cittadina (o se preferite la comunità ‘immaginata’ di coloro che credono nel valore sociale dell’esperienza artistica) può ancora riconoscersi: il teatro”.

Notoriamente un rifacimento dello Stiffelio (1850) che sposta l’azione al tempo delle Crociate, la prima riminese del 1857 di Aroldo fu salutata dal successo: furono ventisette le chiamate in scena per Verdi, a testimonianza dell’entusiasmo suscitato dalla presenza del celebre compositore in città.

Si ricorda che, come da disposizioni vigenti, l’accesso allo spettacolo è consentito solo con Green Pass rafforzato e mascherina di tipo Ffp2.

Informazioni e biglietti: Biglietteria del Teatro Municipale: tel. 0523 385720 – 385721  www.teatripiacenza.it –   biglietteria@teatripiacenza.it

TEATRO ALIGHIERI.
Aroldo melodramma in quattro atti. Musica di Giuseppe Verdi, libretto di Francesco Maria Piave.
Aroldo Luciano Ganci, Mina Roberta Mantegna, Egberto Vladimir Stoyanov, Briano Adriano Gramigni, Godvino Riccardo Rados, Enrico Giovanni Dragano.
la voce di Mina Ermanna Montanari
Orchestra Giovanile Luigi Cherubini
Coro del Teatro Municipale di Piacenza
direttore Manlio Benzi
maestro del coro Corrado Casati
drammaturgia e regia Emilio Sala e Edoardo Sanchi
scene Giulia Bruschi
costumi Raffaella Giraldi e Elisa Serpilli
luci Nevio Cavina

Andate alla home per scoprire tutte le altre news!

Summertime In Jazz