Ciao amore ciao: a 50 dalla scomparsa, la Coop “Infra” ricorda Tenco

83

Mancano due giorni e poi saranno esattamente 50 dalla scomparsa di Luigi Tenco, uno dei più importanti cantautori del panorama musicale italiano, ritrovato senza vita nella sua stanza sanremese il 27 gennaio del 1967.

Una ricorrenza che non passa sotto traccia per i ragazzi della Coop Infrangibile che domani sera dalle 21 ospiteranno, nella parte dedicata alla biblioteca Bruschini, l’evento “Ciao amore ciao – 50 anni senza Luigi Tenco”. A mettere in scena un’ora e mezza di canzoni e parole di Tenco, ci sarà il trio Edoardo Cerea, Davide Cignatta e Nando Mainardi.

Il tributo a Luigi Tenco è uno spettacolo che Edoardo Cerea porta in giro da anni insieme alla compagnia torinese Assemblea Teatro, ma che per l’occasione sarà portata in scena in versione ridotta con la voce e la chitarra di Cerea, la seconda chitarra di Cignatta e le parole di Nando Mainardi.

[[{“type”:”media”,”view_mode”:”media_large”,”fid”:”7988″,”attributes”:{“alt”:”Luigi Tenco a Sanremo ’67”,”class”:”media-image”,”height”:”306″,”title”:”Luigi Tenco a Sanremo ’67”,”typeof”:”foaf:Image”,”width”:”480″}}]]

Come ci ha spiegato Cerea: “L’idea è nata da Nando Mainardi, un grande esperto della canzone d’autore italiana, che voleva commemorare Tenco nell’approssimarsi di questa triste ricorrenza. Conosceva lo spettacolo che da anni porto in giro e allora mi ha contattato. Da lì è nata l’idea che poi ha preso forma”.

Sempre come ci ha spiegato Edoardo, la serata vedrà interpretate più di 10 canzoni del cantautore piemontese fra i pezzi più conosciuti e altri meno noti ma non meno importanti per sua storia e per quella della musica italiana.
Non solo canzoni, ma anche una serie di aneddoti sul suo modo di scrivere i testi e di vivere la musica, come se fosse una piccola serata didattica lungo le tappe della sua carriera per conoscere meglio, e soprattutto non dimenticare, Luigi Tenco.