G.O.L.E.M. – semplicemente magnifico – foto e video del concerto

1272

G.O.L.E.M.
Gravitational Objects of Light, Energy and Mysticism

GOLEM E’ davvero uno dei dischi più belli tra quelli usciti negli ultimi anni. Un disco punto di riferimento per chi è amante della musica in generale e soprattutto di chi che ha salde radici nelle sperimentazioni progressive degli anni 70.

G.O.L.E.M. (Apollo Negri: Hammond e Synth; Emil Quattrini: Piano elettrico e Mellotron; Marco Zammati:  basso; Francesco Lupi: batteria; Marco Vincini: voce) fa parte di quella schiera di dischi che ascolti e poi ascolti e poi ascolti ancora senza soluzione di continuità perché la prima volta ti fa ballare, la seconda ti avvolge nelle spire psichedeliche, le successive ti portano a scoprire sfumature sempre nuove di un progetto che con passione, costanza e rigore, ha fatto man bassa dei riferimenti storici del genere: fra i solchi si trova un assaggio di Genesis, Pink Floyd, King Krimson, oltre a quel suono più cupo e di nicchia che veniva rappresentato da Secret Oyster o Camel.

Video – G.O.L.E.M. Live @Athela Live Club

Ma G.O.L.E.M. si spinge più in là. Pur non negando i riferimento, li esalta in una sperimentazione che diventa a tutti gli effetti musica del secondo decennio del 2000.

Tastiere che si rimpallano parti melodiche oppure si dilettano a sostenere la sezione ritmica. Basso che fa da contrappunto vocale diventando vera e propria seconda voce. Voce che riesce a creare vortici psichedelici andando a competere e amalgamandosi in estensione acuta con un hammond che detta i tempi dei brani che. a loro volta, pur rispettando un linea melodica, riescono a stupire l’ascoltatore con repentini sbalzi ritmici.

Venerdì 8, all’Athena di Ponte dell’Olio c’è stato il concerto di presentazione. Ne siamo stati testimoni e questa è la nostra sintesi. Un concerto impeccabile, da pogare dal primo all’ultimo minuto. Disco da 10/10 da ascoltare assolutamente e prossimi concerti da non perdere.

Per ogni altra notizia sulla musica di Piacenza rimani su Piacenza Music Pride

Summertime In Jazz