In 4 per Orzorock: venerdì sera il contest al Prosit

46

Orzorock passa al Prosit di San Nicolò e lo fa per scegliere chi avrà l’onore di aprire i live del prossimo festival che si terrà sulle rive del Trebbia fra il 7 e l’8 luglio prossimi. Festival che quest’anno arriva alla sua 20esima edizione (e su questa cosa ci torneremo…).

Un’occasione importante per le 4 band selezionate e che saranno valutate, dopo una performance in acustico, da una giuria che comprende: un voto da parte dello staff di Orzorock, uno (ma molto più modesto e da prendere con le pinze) da parte di un membro dello staff di Piacenza Music Pride, ed il terzo voto sarà da parte del pubblico presente alla serata.

Un’occasione che non vedrà in scena solo i gruppi (ancora un attimo e ve li sveliamo) ma anche una premiere, quella del nuovo singolo dei My dead idols dal titolo “White lies”. Release ufficiale non solo del pezzo, ma anche del video diretto da Iacopo Barattieri.

Ma eccoli i 4 gruppi che si sfideranno al Prosit venerdì sera: Five Plus One; Gian e i Cantautori Atomici; Miedo; So Close. Li abbiamo messi in rigoroso ordine alfabetico e proprio seguendo questa disposizione ve li presentiamo brevemente.

[[{“type”:”media”,”view_mode”:”media_large”,”fid”:”8934″,”attributes”:{“alt”:”Five plus one”,”class”:”media-image”,”height”:”288″,”title”:”Five plus one”,”typeof”:”foaf:Image”,”width”:”480″}}]]

I Five plus one non sono nuovi alle nostre orecchie. Li abbiamo ascoltati per la prima volta al contest SpazioDuel dell’anno scorso e proprio nella stessa location di via 24 maggio, solo pochi giorni fa per lo Student’s Festival, li abbiamo rincontrati ascoltandone i progressi soprattutto nella capacità di unire suoni e strumenti diversi.

[[{“type”:”media”,”view_mode”:”media_large”,”fid”:”8933″,”attributes”:{“alt”:”Gian e i cantautori atomici”,”class”:”media-image”,”height”:”288″,”title”:”Gian e i cantautori atomici”,”typeof”:”foaf:Image”,”width”:”480″}}]]

Per Gian e i cantautori atomici invece il discorso è differente. Non li abbiamo mai sentiti, ma abbiamo la scusante che non sono piacentini ma vengono da Parma. Si descrivono come un incontro tra il lirismo del cantautorato italiano con la selvaggia energia del garage-rock.

[[{“type”:”media”,”view_mode”:”media_large”,”fid”:”8932″,”attributes”:{“alt”:”Miedo”,”class”:”media-image”,”height”:”288″,”title”:”Miedo”,”typeof”:”foaf:Image”,”width”:”480″}}]]

Sempre da fuori Piacenza arrivano i Miedo. Stavolta la provenienza è pavese e la proposta è legata al genere alternative/melodic rock. La band, fondata dalla chitarra e seconda voce Michela Lovett, è attiva ormai dal 2013 e da allora ha toccato svariati palchi fuoriuscendo in più occasioni dalle mura amiche di Pavia, avvicinandosi spesso in quel di Milano, fino ad arrivare a San Nicolò venerdì sera.

[[{“type”:”media”,”view_mode”:”media_large”,”fid”:”8931″,”attributes”:{“alt”:”So Close”,”class”:”media-image”,”height”:”288″,”title”:”So Close”,”typeof”:”foaf:Image”,”width”:”480″}}]]

Ultimi, ma solo in ordine alfabetico, i So Close. Beh, anche per loro vale il discorso già fatto per i Five plus one, infatti ne abbiamo già parlato più di una volta. Di norma la loro proposta è legata ad una rivisitazione molto personale di alcuni grandi pezzi della musica mondiale, ma non è detto che per questa occasione speciale, per garantirsi un posto al prossimo Orzorock di luglio, non ci portino qualche novità.