Parte forte il febbraio ai Bykers: There will be blood e Koen

142

Ve li abbiamo presentati di persona con un’intervista pochi giorni fa, ma torniamo subito a parlare dei ragazzi del Circolo Bykers. Perché?!? Ma perché, pronti via, e subito, al primo week-end utile di febbraio, ci regalano una grande serata: There Will Be Blood + Koen.

Il primo gruppo arriva da Cremona e sono i Koen. La strada per Piacenza (anche se non è molto difficile) la conoscono bene, infatti hanno toccato la nostra provincia ben 3 volte nel 2016, fra SoundBonico, Orzorock e Why not Festival. Il loro passare da un palco ad un altro porta il messaggio racchiuso nel loro album dal titolo “Colorness” che ingloba le prime tracce pubblicate nel precedente ep “Shame”. Un suono, come sentirete ancora meglio di persona (e cliccando sulla foto per vedere il video di “Delicate”), che segue un rock diretto, in cui si trova anche qualche sentore metal, che ricorda molto quello americano fra ’90 e 2000.

[[{“type”:”media”,”view_mode”:”media_large”,”fid”:”8099″,”attributes”:{“alt”:”I Koen (Clicca per vedere il video di Delicate)”,”class”:”media-image”,”height”:”278″,”title”:”I Koen (Clicca per vedere il video di Delicate)”,”typeof”:”foaf:Image”,”width”:”480″}}]]

Quello che può essere considerato come il main event della serata sono i There will be blood. La band arriva dal varesotto, ma quella era solo la partenza di una lunga serie di città che i 3 hanno toccato da quando hanno cominciato a far macinare km alla loro musica. Questo in particolare da quando è uscito il loro primo prodotto musicale dal titolo “Wherever you go”, a cui poi hanno fatto seguito “Without” e “Horns” nel 2016.

[[{“type”:”media”,”view_mode”:”media_large”,”fid”:”8101″,”attributes”:{“alt”:”I There will be blood in concerto”,”class”:”media-image”,”height”:”359″,”title”:”I There will be blood in concerto”,”typeof”:”foaf:Image”,”width”:”479″}}]]

Nella loro descrizione parlano di un suono nato da cuore, voce e rabbia, e che caratterizzano in modo diverso i 3 artisti che compongono il gruppo: Mattia Castiglioni, Riccardo Giacomin e Davide Paccioretti. Di base i loro pezzo sono etichettabili come blues, da lì partono e arrivano, ma nel mezzo riescono a toccare sonorità differenti, dal country al rock, grazie anche all’alternarsi di basi ritmiche diverse che accelerano e rallentano con il variare dei pezzi. Canzoni che come loro stessi hanno affermato arrivano dalla televisione degli anni ‘90, dai fumetti e dai film, uno in particolare: “Il petroliere” (nella versione inglese: There will be blood. Ndr).