Prima assoluta. “Luci danzanti nella notte” di Cristian Carrara per la nuova stella del violino Francesca Dego

371

Altre stelle brilleranno sul palco del Teatro Municipale e, ancora una volta, per una produzione, anzi, in questo caso in quanto concerto, “commissione”,  propria del Teatro.

Questo venerdì, 31 gennaio, (inizio concerto ore 21) l’Orchestra Filarmonica Toscanini, diretta dalla bacchetta di Alvise Casellati, uno dei talenti emergenti degli ultimi anni, interpreterà la nuova commissione del Teatro Municipale “Luci danzanti nella notte” concerto per violino e orchestra composto da Cristian Carrara, in occasione della Giornata della Memoria.  Il concerto vede al violino una delle giovani interpreti più acclamate e ricercate all’interno della scena internazionale: Francesca Dego.

“Un viaggio tra le tante luci danzanti che hanno rischiarato, e ancor oggi rischiarano le notti in cui sembra non esserci più speranza”, come anticipa lo stesso Carrara, considerato tra i compositori italiani più originali della sua  generazione. L’opera muove dalla necessità del ricordo, per riaffermare tramite l’arte e la musica la possibilità di riemergere dalle tenebre..

Video:Francesca Dego | Sibelius Violin Concerto

Il programma prevede anche, in apertura, la suite per piccola orchestra, Gli uccelli composta da Ottorino Respighi, !927, che guarda alle musiche del Seicento e Settecento per cembalo o liuto

Completa il programma, nella seconda parte del concerto, l’omaggio a Ludwig van Beethoven a 250 anni dalla nascita, con l’esecuzione della nota Sinfonia n.7 in la maggiore op.92, composta tra l’autunno del 1811 e il giugno 1812, per essere poi eseguita nel 1813 all’Università di Vienna, in onore dei soldati austriaci e bavaresi feriti nella battaglia di Hanau contro l’esercito di Napoleone.

Francesca Dego è considerata fra le migliori interpreti italiane di oggi. Artista Deutsche Grammophon dal 2012, il suo debutto orchestrale con i concerti di Paganini e Wolf-Ferrari insieme alla City of Birmingham Symphony Orchestra diretta da Daniele Rustioni e pubblicato nel 2017 ha riscosso grande consenso internazionale di critica. Nell’autunno 2018 è uscito Suite Italienne, il suo nuovo progetto dedicato all’estetica e all’influenza della tradizione musicale italiana sulla musica del XX secolo. Nata a Lecco da genitori italo-americani, si esibisce sin da giovanissima con le più grandi orchestre, tra cui la Auckland Philharmonia, la Gürzenich Orchestra di Colonia, la Hallé, Het Gelders Orkest, l’Orchestre Philharmonique di Nizza, l’Orkest van het Oosten, la Real Orquesta Sinfonica di Siviglia, l’Orquesta de la Comunitat Valenciana al Palau de des Arts, la Philharmonia Orchestra alla Royal Festival Hall di Londra, la Royal Philharmonic, la Royal Scottish National orchestra e la Ulster Orchestra, la Tokyo Metropolitan e la Tokyo Symphony alla Suntory Hall. In Italia Francesca collabora regolarmente con l’Orchestra Haydn di Bolzano, La Verdi di Milano, l’Orchestra della Toscana, la Filarmonica Toscanini di Parma e le orchestre dei teatri di Bari, Bologna, Genova, Torino, Trieste, Verona e La Fenice di Venezia. Suona un prezioso violino Francesco Ruggeri (Cremona 1697).

Alvise Casellati è già stato ospite dei più importanti festival musicali in Italia, come il Ravello Festival, dove ha diretto per tre  anni il famoso Dawn Concert, il Festival Due Mondi di Spoleto , il Festival della Valle d’Itria, La Versiliana. Come Direttore stabile del Teatro Carlo Felice di Genova nel 2014, il suo debutto nell’opera è con Il barbiere di Siviglia di Rossini e L’Elisir d’Amore di Donizetti.

Video: Alvise Casellati  dirige Madama Butterfly – Duetto dei fiori

Ha collaborato con importanti teatri in Italia, come La Fenice di Venezia, il Maggio Musicale Fiorentino, il Teatro Carlo Felice di Genova, il Teatro Filarmonico di Verona, il Teatro Verdi di Trieste, il Petruzzelli di Bari. Ha inoltre collaborato con Orchestre italiane e straniere, quali: Orchestra del Teatro La Fenice, Orchestra del Teatro Carlo Felice, Orchestra Petruzzelli, Orchestra del Teatro Verdi, Orchestra Arena di Verona, I Pomeriggi Musicali di Milano, Orchestra Haydn di Trento e Bolzano. Tra le orchestre all’estero, ha collaborato con Central Park Symphony Orchestra, Shanghai Philharmonic, New York Chamber Virtuosi, Orchestra Sinfonica di Mar del Plata (Argentina), Filarmonica di Voronezh (Russia). È Presidente e Direttore Musicale del Central Park Summer Concerts, un’organizzazione che realizza concerti annuali di Opera Italiana a Central Park, New York, con l’obiettivo di promuovere la conoscenza e l’apprezzamento dell’Opera italiana mirata in particolare alle giovani generazioni.