BlackBloodBrigade: un collettivo al servizio dei musicisti

99

Balck Blood Brigade. La sentiamo nominare spesso. Qualcuno suppone che sia un gruppo musicale. Altri favoleggiano che organizzi incontri massonici. Altri ancora  riti voodoo lungo le conche del Po. Ma cos’è realmente la BBB lo scopriamo con questa intervista con l’anima pensante, colui che ha saputo raccogliere attorno a sé uno stuolo di proseliti che gli han creduto.

Andrea Gherardi, “il Capitano”, voce e cantante dei Evil Eye Lodge e dei Black Bones , ha spinto un po’ più in là il suo ruolo di condottiero di questi gruppi. Ha coinvolto altre persone, altri gruppi musicali, per creare un vero e proprio collettivo: la Black Blood Brigade appunto

“E’ da diversi anni che sono nel mondo della musica, 25 circa, e penso che sia il momento giusto per mettere a disposizione la mia esperienza, non solo mia ma anche di tutte quelle persone, gruppi musicali, tecnici, che credono in questo progetto”

In  cosa consiste allora la BBBrigade?
E’ sostanzialmente un collettivo, che cerca di aiutare nuovi gruppi musicali per far si che possano essere sollevati da tutti quegli inghippi che comporta l’aspetto esecutivo live, ma anche rispetto ad eventuali registrazioni. Ci occupiamo  del merchandising, delle attrezzature. Ci spingiamo anche verso l’aspetto della produzione cercando di sostenere, con la nostra esperienza l’aspetto esecutivo che a nostro parere può essere più vantaggioso per quel dato gruppo, senza essere, e lo sottolineo, un’etichetta musicale.

Quindi curate anche tutto l’aspetto comunicativo?
Si, anche questo rientra nella nostra mission. Ma cerchiamo di uscire dagli schemi rigidamente social che comunque non trascuriamo. Ma per noi è fondamentale il “ritrovarsi dal vivo”

Chi fa parte di questo collettivo?
Abbiamo creato una “famiglia allargata” fra diversi gruppi: gli Evil Eye Lodge oltre ai Black Bones entrambi gruppi di cui faccio parte. Ma hanno accolto l’invito anche gli Slut Machine, i Kickstarter Ritual e i Wanderers. In più possiamo contare su una presenza preziosa, quella di Chiara Tedeschi che segue tutto l’aspetto comunicativo che per noi è importante.

Un servizio di sostegno completo
E gratis, sottolineo. Della serie “i gruppi non devono niente a noi e noi non dobbiamo niente a loro” ma nel senso più bello del termine. Con la più completa gratuità e reciprocità.

E poi c’è l’aspetto live che è quello che più interessa ai gruppi
Qui apriamo un capitolo sul quale ci sarebbe di che discutere  per  ore. Si assiste ad una corsa al live che non fa bene a nessuno. Io sono un anticompetitivo di natura e penso che questa lotta sia antiproduttiva. E’ per questo che il collettivo cerca di supportare tutti facendo massa critica, cercando di insinuare il senso della collettività. Solo così, sono sicuro, sarà possibile trovare un modo per evitare lo svilimento della musica dal vivo.

E infine “il Capitano” ci racconta anche che la BBBrigade non solo è legato al mondo della musica, ma a tutto quello dell’arte e dell’intrattenimento. Arti figurative ma anche feste in costume. E sottolinea che è l’aspetto creativo quello che caratterizza la BBBrigade quindi: No Cover Band!

Bene, ecco svelato l’arcano mistero della BlackBloodBrigade, tanto tenebrosa nel nome quanto solare e propositiva nelle azioni.