Concerto SoldOut ma ecco ugualmente la star: David Garrett e il suo violino

201

Una star, pardon, Star con la S maiuscola approda al Municipale sabato 4 Marzo! David Garrett ormai celeberrimo violinista celebre per le sue contaminazioni tra musica classica, rock e pop.

Il concerto è SoldOut ma ci teniamo a presentare ugualmente Garrett e mostrare qualche video delle sue performarces anche e soprattutto a chi, purtroppo, questo magnifico spettacolo se lo perderà

Video: David Garrett – Kashmir
[[{“type”:”media”,”view_mode”:”media_large”,”fid”:”8385″,”attributes”:{“alt”:””,”class”:”media-image”,”height”:”196″,”typeof”:”foaf:Image”,”width”:”350″}}]]

Nel concerto di sabato, il violinista tedesco che vanta schiere di fan in tutto il mondo e riscuote ovunque applausi ed entusiasmo, proporrà un repertorio totalmente classico, eseguendo il Concerto in re maggiore per violino e orchestra op.35 di Čajkovskij, accompagnato dall’Orchestra Sinfonica Nazionale della RAI. Direttore Ryan Mc Adams, un maestro giovane e di grande talento, che vanta collaborazioni con alcune delle più importanti istituzioni musicali del mondo. A fianco del concerto di Čajkovskij ritroveremo pagine celebri come l’Ouverture del Don Giovanni di Mozart e il Boléro di Ravel, ma anche la bella Sinfonia che Stravinskij compose in uno dei suoi soggiorni statunitensi, negli ultimi anni della Seconda Guerra Mondiale.

Video: David Garrett – Viva La Vida
[[{“type”:”media”,”view_mode”:”media_large”,”fid”:”8386″,”attributes”:{“alt”:””,”class”:”media-image”,”height”:”195″,”typeof”:”foaf:Image”,”width”:”350″}}]]

 

Nato ad Aachen, in Germania, Garrett a dieci anni debutta con gli Hamburger Philharmoniker e a tredici è l’artista più giovane a firmare un contratto esclusivo con Deutsche Grammophon.  Nel 1999 si trasferisce a New York e si iscrive ai corsi di composizione e musicologia alla Juilliard School studiando con Itzhak Perlman e vincendo nel 2003 il concorso di composizione.
La mescolanza di elementi classici, pop, rock e rhythm-and-blues rappresenta per Garrett lo strumento per raggiungere le giovani generazioni, sulle orme dei suoi modelli, da Paganini  a Heifetz. Ha stabilito il primato di velocità eseguendo il «Volo del calabrone» in un minuto e sei secondi, e i suoi dischi pop hanno venduto milioni di copie.

Video: David Garrett – Albinoni – Adagio – Berlin 08.06.2010
[[{“type”:”media”,”view_mode”:”media_large”,”fid”:”8387″,”attributes”:{“alt”:””,”class”:”media-image”,”height”:”195″,”typeof”:”foaf:Image”,”width”:”350″}}]]

 

Nel 2014 e 2015 David Garrett ha proposto  i concerti per violino e orchestra di Brahms e Bruch, collaborando  con importanti orchestre quali Filarmonica Ceca, Filarmonica d’Israele e Zubin Mehta, Filarmonica della Scala e Riccardo Chailly, London Philharmonic e molte altre ancora. La collaborazione con Zubin Mehta e la Filarmonica d’Israele è culminata con la registrazione del CD “Timeless”. Nel 2015 ha fatto il suo debutto con la Filarmonica Nazionale di Mosca e l’Orchestra Sinfonica Nazionale Rai di Torino. Nel 2016 ha eseguito il Concerto per violino e orchestra in re maggiore op.35 di Čajkovskij con l’Orchestra Filarmonica d’Israele e Andrés Orozco-Estrada e con la Museumsorchester di Francoforte e Andrey Boreyko.

Video: Il violinista del diavolo
[[{“type”:”media”,”view_mode”:”media_large”,”fid”:”8388″,”attributes”:{“alt”:””,”class”:”media-image”,”height”:”196″,”typeof”:”foaf:Image”,”width”:”350″}}]]

 

Nel 2013 ha debuttato come attore interpretando Niccolò Paganini ne “Il Violinista del Diavolo “ (regia di Bernard Rose) e ha composto le musiche per il film in collaborazione con Franck van der Heijden. Nel 2018 sarà alla Scala di Milano diretto da Riccardo Chailly. David Garrett è ambasciatore della Fondazione contro la leucemia di José Carreras. Suona il violino Stradivari “A. Busch” del 1716.