I CNST presentano il nuovo album. Tre live nel venerdì del Melville

56

Dopo il doppio live della settimana scorsa, le produzioni di Orzorock Music tornano in scena, ma stavolta cambiando palcoscenico, per venerdì infatti ci si sposterà al Melville di San Nicolò per il “CNST release album party”.

Anche questa sarà una serata da scoprire perché per la prima volta in terra piacentina, verrà presentato l’album omonimo dei Cieli Neri Sopra Torino, una delle band su cui di più ha puntato lo staff di Orzorock Music. Un’anteprima che verrà aperta e chiusa da tanta altra musica, prima con un cantautore, Matteo Pisotti, poi da una band di giovanissimi rocker, i Flidge.

[[{“type”:”media”,”view_mode”:”media_large”,”fid”:”8246″,”attributes”:{“alt”:”L’album dei CNST”,”class”:”media-image”,”height”:”480″,”title”:”L’album dei CNST”,”typeof”:”foaf:Image”,”width”:”480″}}]]

I CNST sono di ritorno al Melville dove erano già passati a fine 2015 per presentare Sulfurea, l’album che rappresentava la fusione di 3 realtà musicali del basso Piemonte: Chicco De March, La Malora e, appunto, i Cieli Neri Sopra Torino.
Stavolta arrivano a Piacenza per presentare il loro nuovo album omonimo di 10 brani, anticipato dal singolo “La morte avrà i tuoi occhi”, che seguono la loro voglia di fare un rock schietto, senza etichette, che non si fermi alla creazione di un suono ma che diventi un’unica cosa col testo. Proprio il testo non è mai lasciato al caso, ma anzi è sempre centrale nelle loro produzioni e sempre, rigorosamente, in italiano.

Come anticipato i CNST non saranno soli ma anzi, saranno ben accompagnati. Prima del live principale troveremo due nuove realtà piacentine che si stanno impegnando molto, anche se in forme e contesti diversi, nel mondo della musica: Matteo Pisotti e i Flidge.

[[{“type”:”media”,”view_mode”:”media_large”,”fid”:”8247″,”attributes”:{“alt”:”Matteo Pisotti (Pic by Effetre Studio)”,”class”:”media-image”,”height”:”288″,”title”:”Matteo Pisotti (Pic by Effetre Studio)”,”typeof”:”foaf:Image”,”width”:”480″}}]]

Dato che è in inferiorità numerica e perché aprirà la serata, partiamo dall’artista solista, Matteo Pisotti. La sua passione per la musica arriva da lontano (non lontanissimo, è pur sempre un classe ’96!. Ndr), da quando da piccolo gli viene regalata la prima chitarra e da lì non l’ha più lasciata. Col tempo comincia suonare fra feste studentesche e locali, sia versione “chitarra e voce”, quella in cui si esibirà venerdì, sia all’interno di un gruppo, come ad esempio gli Angoli Acustici. Ha definito le sue canzoni come “lo specchio di sensazioni, riflessioni ed esperienze raccontate in una chiave Pop”

[[{“type”:”media”,”view_mode”:”media_large”,”fid”:”8249″,”attributes”:{“alt”:”I Flidge”,”class”:”media-image”,”height”:”320″,”title”:”I Flidge”,”typeof”:”foaf:Image”,”width”:”480″}}]]

In chiusura arriveranno i Flidge. Qua cambiamo completamente tono, infatti dopo il live centrale, la chiusura sarà di forte stampo indie-alternative-rock. Loro sono 5 giovanissimi ragazzi piacentini, in gruppo da 3 anni, che, come Pisotti, hanno già all’attivo diverse date in situazioni musicali diverse. Situazioni che hanno dato vita, nonostante l’età, ad un’idea già chiara di musica, ossia di un suono che riesca a far muovere i piedi al pubblico presente. Ce la faranno? Venerdì sera al Melville lo sapremo.