Ibrido | Novità: brano, video e nuovo percorso per l’artista piacentino

177

Il brano si intitola Dentro a quella stanza vuota ed è il nuovo singolo di Ibrido

Una voce piacentina riparte con un nuovo progetto.
Stiamo parlando del progetto “Ibrido” che vede al centro un ragazzo che avevamo conosciuto un po’ di tempo fa qua su PMP, Michael Sacchi. Pochissimi giorni fa è uscito il nuovo brano dal titolo “Dentro quella stanza vuota” e oggi siamo già al momento del video, dove Ibrido è insieme ad una bravissima ballerina, Chiara Marcelletti.

Ibrido: una nuova pagina per Michael Sacchi

Come abbiamo detto Ibrido è una nuova faccia di un ragazzo che di cui avevamo già parlato, ed è direttamente a lui che abbiamo fatto qualche domanda per conoscere meglio la sua musica.

“Dentro a quella stanza vuota”, possiamo incanalarla nel filo ballad-pop, ma cosa c’è dietro questo pezzo?

Solitudine. Quando la vivi appieno ti porta a pensare eccessivamente e di conseguenza tutto ciò che ti circonda passa in secondo piano, quando ciò accade ti perdi il presente un po’ come un treno che ti sfreccia davanti.

Ibrido - Dentro quella stanza
Clicca sull’immagine per andare su Spotify

Abbiamo dato una sbirciata ai social e vediamo che c’è un riferimento ad un ricordo importante. Quanto sono centrali queste cose, nei tuoi pezzi?

Scrivo semplicemente ciò che vivo, sono convinto che così facendo non sbagli mai, anche perché la gente se ne accorge quando il tutto risulta artificiale. Per me le canzoni sono un modo per liberare le ansie che porto dentro e quindi essere sincero per me è tutto.

Non possiamo bypassare un fatto: ti abbiamo conosciuto come Michael Sacchi e ora ti ritroviamo come Ibrido. Cosa è cambiato dall’ultima volta che abbiamo parlato di un tuo brano?

Tutto e niente in realtà. Semplicemente avevo voglia di distaccarmi da un percorso che sentivo non appartenermi più. Il nome “Ibrido” è arrivato grazie a un percorso di crescita personale e musicale. Il Michael di adesso è sicuramente una persona meno insicura che ha avuto “bisogno” di cadere più volte per capire che, semplicemente, essere se stessi è la scelta migliore.

Avevo paura di rimanere solo durante il percorso, per questo cercavo di proseguire con le band, ma la verità è che ti ritrovi a fare i conti con te stesso e ti accorgi che puoi fare quel che vuoi. Alla fine le insicurezze personali non possono essere colmate dagli altri.

Ibrido con Chiara Marcelletti
Ibrido con Chiara Marcelletti

Come è nata l’idea del video e poi, che ruolo ha Chiara Marcelletti?

Ho sempre avuto un’idea ben precisa di quello che avrei voluto ricreare nel video: volevo personificare il ricordo stesso e con la dote di Chiara nel ballo si è creato il giusto connubio. Nel video lei rappresenta il mio passato e di conseguenza quello che vedrete non è altro che una sfida con me stesso e con le ansie che subentrano quando non accetti che il mondo attorno a te, purtroppo o per fortuna, sta cambiando e te lo perdi se rimani ancorato a ciò che è stato.

Questa “Dentro a quella stanza vuota” lo possiamo considerare un primo passo verso un nuovo percorso musicale?

Si, assolutamente come d’altronde lo è il progetto Ibrido in generale. A differenza di prima ora ho un team formato da persone splendide che assieme a me contribuiscono a realizzare una progettualità che ci porterà a rimanere costanti con la pubblicazione di inediti e speriamo a superare tutti gli ostacoli che troveremo lungo il percorso che abbiamo tracciato.