Il 5 marzo ritorna SpazioStore – mercatino del riuso e del vinile. Nel 2017 4 eventi a Spazio2

51

Dopo le prime esperienze del 2016, torna con 4 date a cavallo fra marzo e settembre, SpazioStore – mercatino del riuso e del vinile, sempre nello spazio esterno di Spazio2.
La prima giornata in programma è quella del 5 marzo ed è stata presentata oggi pomeriggio insieme alle altre 3 date del 2017, quelle del 7 maggio, 2 luglio e 3 settembre.

Un mercatino che segna il passaggio di consegne nell’organizzazione dai gestori di Spazio2 ai ragazzi di Sputnik, e che conferma l’intenzione di proporre una formula mista, fra banchi dedicati al riuso e al vintage e una zona per gli amanti del vinile che si collega alla parte musicale che fino ad oggi non è mai mancata a SpazioStore. Per la sezione banchetti le iscrizioni sono aperte fino a venerdì 3 (ma è meglio fare in fretta. Consiglio della redazione).

[[{“type”:”media”,”view_mode”:”media_large”,”fid”:”8268″,”attributes”:{“alt”:”La locandina”,”class”:”media-image”,”height”:”480″,”style”:”margin-left: 60px; margin-right: 60px;”,”title”:”La locandina”,”typeof”:”foaf:Image”,”width”:”336″}}]]

Poi c’è la parte musicale, lunga 12 ore fra Djset e live, dalle 10 di mattino fino alle 10 di sera. Un programma musicale che seguirà l’andamento della giornata dal pranzo alla cena passando dall’aperitivo.
Questo ci porta a toccare il lato cibo (ci sarà anche birra e vino, forniti da La Bottilglieria e Retorto) in cui saranno operativi i ragazzi della Coop Infra con la parte “carne” e l’Horteria con la parte “vietata la carne”, più il lato aperitivo dalle 18.30, gestito questa volta dal Dani Bar di via Taverna. Senza dimenticare la parte “dolce” del mercatino, con i gelati di Cremosonda.

Ma torniamo al lato musica senza perdere tempo. Ci saranno 3 suoni diversi: due Djset, uno a cura dei ragazzi di Desert Fox durante il pomeriggio, e l’altro gestito direttamente dai ragazzi di Sputnik (prima dalle 10 fino ad attorno alle 16 e ancora in chiusura di giornata); ed il live dei Fattore Rurale.

[[{“type”:”media”,”view_mode”:”media_large”,”fid”:”8270″,”attributes”:{“alt”:”I Fattore Rurale”,”class”:”media-image”,”height”:”243″,”title”:”I Fattore Rurale”,”typeof”:”foaf:Image”,”width”:”480″}}]]

Brevissimo excursus sulla band che suonerà live. I Fattore Rurale arrivano da appena fuori Piacenza, da quella striscia di terra fra il Trebbia e il Po che tocca San Nicolò, Rottofreno e Sarmato. Ed è proprio da quel fazzoletto di terra da cui nasce il loro rock’n roll. Un suono che tante volte va a finire nel folk e nel blues, soprattutto quando entra in scena l’armonica, che fa venire in mente il profondo sud a stelle e strisce, ma che torna fortemente piacentino appena iniziano i testi. Sembrano fatti apposta per essere ascoltati davanti ad un panino (se vegano oppure no, sceglierete voi) e ad una birra.

Ultimi ma non per ultimi (anche perché saranno dietro la consolle ad orario pranzo) i ragazzi di Desert Fox. Da loro ci si aspetta un Djset che varierà fra il rock anni ’70 ed pezzi legati alla cultura Surf, tenendo sempre al centro l’obiettivo di far muovere i piedi (e tutto il resto) al pubblico.