Marzo al Melville con Manuel Agnelli per l’anteprima del Festival del Rock d’Autore e tanto altro

53

Di solito partiamo dalla prima data di una programmazione, ma stavolta proprio non possiamo. Non possiamo perchè al Melville, venerdì 18, arriva uno dei personaggi più importanti della musica italiana degli ultimi 30: Manuel Agnelli.

Il frontman degli Afterhours arriva sul palco di San Nicolò per presentare la sua biografia, scritta a 4 mani con il giornalista Federico Guglielmi, dal titolo “Senza appartenere a niente mai“. Un libro che racconta oltre 30 anni di un progetto diventato prima realtà e poi successo, il progetto Afterhours. Manuel Agnelli passa al Melville appena prima di procedere con gli ultimi dettagli del nuovo album in preparazione, ci farà assaggiare qualcosa in anteprima? Non lo sappiamo, sicuramente ci sareme per scoprirlo.

Tornando all’inizio della programmazione del locale sannicolino, partiamo da stasera, con un evento che entra nell’intimità dell’anima jazz, questo grazie alla voce di Francesca Bianco e il piano di Francesco Orio. Come ci hanno detto i ragazzi sarà “semplicemente”: un viaggio tra le pieghe della musica e delle storie che ci girano attorno.

Il prossimo passaggio prima della serata con Manuel Agnelli, sarà quello di venerdì 11 con Sezen Gumustekin. L’artista turca ci porterà i suoni della sua terra natia, un luogo di passaggio tra Europa e Oriente, carico di sapori e profumi ma anche di suoni ed emozioni. Sonorità che Sezen ci porterà suonando il suo rarissimo Oud, passando attraverso i canti popolari della tradizione turca e ottomana.

Giovedì 16 in programma c’è un viaggio negli anni ’90. Un ritorno all’ultimo decennio del secolo passato per riscoprire i P.O. Box, la loro storia e la creatività che li caratterizzava. Cinque giovani ragazzi capitanati da Elia Callegari, ci riproporranno i pezzi dei P.O. Box, prima che Paolo Milanesi e il giornalista Andrea Dossena ci racconteranno gli anni ’90 e la loro innovazione.

Ultimo appuntamento di marzo dalle note swing con l’Alberto Tava Trio. La band composta, oltre che dal frontman, anche da Angelo Ipri al sax e da Marco Sannella al contrabbasso, ci riporterà nella storia dello swing italiano con i grandi classici del genere ma anche, e soprattutto, con quelle canzoni un po’ abbandonate, quelle lasciate in soffitta, rispolverate e riportate a luce nuova.