Ecco “Raccolgo La Notte” | Il nuovo album del Fattore Rurale

88
Ecco

Dal 20 Gennaio arriva “Raccolgo La Notte”, il nuovo album del Fattore Rurale

Un viaggio alla scoperta del nuovo album attraverso le parole di Marco Costa, la voce del gruppo

1. Raccontateci un po’ come è nata l’idea di questo nuovo disco…

Citando alcuni passi della Vostra “Figli di Icaro”:

<<Ho il sogno ricorrente di volare verso il sole, poi precipitare, e schiantarmi dritto in mare…

E non ci basta planare, vogliamo toccare il sole, reale o artificiale, brucia e ci fa male.>>

Dunque, proprio come Icaro con questo album volete “provare a toccare il sole” consapevoli dei pericoli?

Se fosse così sarebbe in perfetto stile Fattore Rurale… La parola a voi…

Ciao Marco, intanto grazie per l’intervista.

Noi vogliamo toccare il sole, ma non vogliamo perderci nella sua luce, come il nostro Icaro noi siamo figli della tragedia e possiamo solo compiere il nostro destino.

Il sole di cui parliamo nella canzone è la meta fatua fatta di falsi miti, false promesse e falsa fama che abbaglia la nostra generazione.

Noi accogliamo il suo fuoco e ne facciamo stigmate e questa sofferenza ci ricorda che siamo soli e figli di un sogno interrotto.

Il Fattore Rurale ha semplicemente la consapevolezza che il sole scioglie la cera e ti fa schiantare al suolo.

Il nostro volo non è finalizzato ad arrivare alla luce ma a perdersi nella caduta ritrovando noi stessi nel dolore.

Per quanto riguarda l’album, è solamente la raccolta dei momenti che abbiamo vissuto in questi anni, sono canzoni che già hanno una loro storia e che sono cresciute con il nostro pubblico.

Ascoltando le urla di chi è sotto al palco e mischia la propria anima con la nostra sappiamo che queste canzoni non sono solo nostre ma tessono un tessuto comune di Morte, Amore e Desolazione.

Ecco "Raccolgo La Notte" | Il nuovo album del Fattore Rurale
Il Fattore Rurale in formazione completa in uno scatto a colori

2. Si dice che la notte porta consiglio, ma sul titolo del disco ci arriveremo a breve, sicuramente per voi una cosa è chiara:

Nella nebbia non c’è redenzione.

All’inferno non c’è distinzione.

Cammino senza forze verso la tua immagine.

Il silenzio una voragine”.

Pertanto il silenzio, una condizione che spesso accompagna la notte, è proprio questo che vi aiuta a cogliere il significato profondo dell’esistenza umana che esprimete nelle vostre canzoni?

Il silenzio di per se non è una fonte di ispirazione, ma è una condizione, forse l’unica condizione che ti permette di guardarti dentro e cercare il mostro più spaventoso che si nasconde nel profondo.

Perdersi in questo gioco di specchi è pericoloso perché “quando guardi troppo a lungo nell’abisso l’abisso ti guarda dentro”, ma essere sinceri con se stessi è l’unico modo per essere liberi.

Ecco "Raccolgo La Notte" | Il nuovo album del Fattore Rurale
Il Fattore Rurale in formazione completa in uno scatto in bianco e nero

3. A proposito di umanità, anche in questo caso ci sono pochi dubbi:

La gente è stupida, vuole solo dimenticare…

Sono delle merde sempre pronti a giudicare…

Ma per un ideale. si può uccidere o morire”.

E voi siete proprio quelli che sarebbero disposti a sacrificare tutto per ciò in cui credono, perché oltre la vostra musica si nascondono sempre verità importanti…

Quindi, oltre “sangue e macerie su…Medellin” potrebbe esserci qualcos’altro?

Nelle nostre canzoni, come nella vita, cerchiamo di essere il più sinceri possibile, almeno con noi stessi.

Come ti dicevo prima l’onestà personale è il vero atto di coraggio che ci libera.
Oltre al sangue e alle macerie cosa rimane? Rimangono le scelte di un uomo.

In Medellin non giudichiamo queste scelte, cerchiamo di fare un ritratto di uomo libero e immortale, tanto nel suo splendore quanto nella sua oscurità.

Dietro ad un presunto mostro si può nascondere un essere fragile e molto più simile a noi di quanto abbiamo paura di accettare, come dietro all’alone di luce di un Santo che si erge a nostra guida si può nascondere un mostro.

Ecco "Raccolgo La Notte" | Il nuovo album del Fattore Rurale
Il nuovo album “Raccolgo La Notte” del Fattore Rurale in uscita dal 20 Gennaio 2023

4. “Raccolgo la notte”, la canzone che dà il titolo all’album restituisce un’immagine simile, ma allo stesso tempo diversa da quella che tutti noi conosciamo: cupa e scura, ma anche folgorante e rivelatrice.

Se da un lato, infatti, è “fredda e gelida”, dall’altro questa stessa notte “finisce in uno schianto”.

Cosa rappresenta per voi questo grande impatto e quale messaggio vuole trasmettere a coloro che, invece, cercano in tutti i modi di evitarlo?

Corro il rischio di ripetermi, ma tengo a ribadire che il Fattore Rurale rappresenta la realtà, quella dimensione senza filtri, dolorosa come un coltello nella carne, ma rivelatrice come la notte quando sei solo con i tuoi peccati.

Quindi è inutile evitare lo schianto perché tutti siamo destinati al dolore.

5. Dopo ogni notte arriva sempre (o quasi), il momento del risveglio, quasi come fosse stato tutto un sogno…

Ma per veri sognatori come voi i sogni sono proprio ciò che fa sentire vivo ognuno di noi, anche dopo “mille sigarette”

Se questo è un sogno io non mi voglio più svegliare.

Se questo è un sogno ti prego dai, lasciami dormire”.

Credete ci risveglieremo mai dal sogno che è il mondo in cui viviamo che però non ci appartiene? Riusciremo mai a far tacere questa voce che per noi è come “un eco nella testa”?

Quello che ci tiene in vita non sono i sogni, perché i nostri sogni sono andati a puttane quando è arrivata la consapevolezza che niente ti colpisce duro come la vita vera.

Non ci risveglieremo mai, perché non ci siamo mai addormentati e non ci siamo mai potuti permettere di vivere nei sogni.

Infatti in Mille Sigarette è chiara l’incredulità che portano quei rarissimi momenti di felicità, per questo il protagonista si chiede se sta vivendo un sogno e lo fa proprio perché è saldamente ancorato alla realtà.

Ecco "Raccolgo La Notte" | Il nuovo album del Fattore Rurale
Il nuovo album “Raccolgo La Notte” del Fattore Rurale in uscita dal 20 Gennaio 2023

6. Ci salutiamo provando a “svelare” il finale del Vostro eterno duello con il Sole che persino Icaro non è riuscito a sconfiggere, forse perché volando troppo alto è rimasto preda della vertigine…

Vertigine si perde

nei colori della notte,

si stringe nel giubbotto

perché il vento è troppo forte.

Vertigine non piange

le sue mani sono fredde,

segue il flusso delle onde

si abbandona dolcemente.

Il fuoco che divide l’orizzonte

alza il volume è troppo basso non si sente.

Il fuoco che divide l’orizzonte

alza il volume è troppo basso non si sente.”

Per voi il fuoco del sole inseguito da Icaro rappresenta la linea dell’orizzonte della vostra musica, il cui volume si alza sempre di più per far sentire con forza la propria voce, anche a chi cerca, forse invano, di ignorarla.

Questo nuovo album, “Raccolgo la notte”, pensate possa rappresentare un momento per voi in cui, dopo essere rimasti tanto tempo in silenzio, possiate tornare di nuovo ad urlare il vostro innato desiderio di libertà e spregiudicatezza contro ogni consuetudine e convenzione?

Se fosse così sarebbe in perfetto stile Fattore Rurale… La parola a voi…

Vertigine non parla proprio di questo, però preferirei non approfondire troppo il significato della canzone per lasciare agli ascoltatori la propria chiave di lettura.


Con la nostra musica non vogliamo insegnare niente a nessuno, vogliamo solo rappresentare chi fino ad oggi non si è sentito raccontato.

Cantiamo la realtà che viviamo senza tanto fronzoli e voli pindarici.


La forza della nostra voce viene dalla rabbia che sentiamo e per fortuna abbiamo trovato dei nostri simili che urlano, bruciano e hanno il cuore a brandelli come noi.


Da quando il progetto Fattore Rurale ha preso vita, ormai credo quattro anni fa, siamo diventati un branco senza padrone unito nel dolore e artefice del proprio destino.


Pronti a soffrire, pronti per la Rivoluzione.

Morte, Amore e Desolazione

Ascolta il nuovo album del Fattore Rurale su Spotify:

Fattore Rurale – Raccolgo la notte (bfan.link)

Ecco "Raccolgo La Notte" | Il nuovo album del Fattore Rurale

La copertina di “Raccolgo La Notte” del Fattore Rurale in uscita dal 20 Gennaio 2023

Andate alla home per scoprire tutte le altre news!

Summertime In Jazz