Un aprile “Doc” per i Bykers: 4 eccellenze piacentine

45

Dopo il live HofameUomoman, caduto non per scherzo il 1 aprile, tornano le band sul palco di Roveleto di Cadeo,aperte però da una performance solista nella prima delle due serate. Tre band, AntsSondagZebra, che possiamo mettere a pieno titolo tra quelle che producono il miglior rock della provincia, più una proposta che ormai conosciamo bene: An Harbor.

Di conseguenza stiamo parlando di 4 situazioni musicali, molto diverse fra di loro, divise in due serate. La prima ce la giochiamo già questa settimana, sabato sera, per la seconda dobbiamo aspettare due settimane, il 29 aprile.

[[{“type”:”media”,”view_mode”:”media_large”,”fid”:”8646″,”attributes”:{“alt”:”An Harbor”,”class”:”media-image”,”height”:”320″,”title”:”An Harbor”,”typeof”:”foaf:Image”,”width”:”480″}}]]

È inutile inventarsi nuovi aggettivi o presentazioni, Federico Pagani ormai lo conosciamo/conoscete tutti, e sarà lui ad aprire la serata di sabato sera in conclusione di un lungo tour. Stavolta lo vedremo nel vestito chitarra e voce con cui ha cominciato a portare in giro il suo progetto An Harbor, poi trasformatosi con l’album May, in qualcosa di più ampio e strutturato.

[[{“type”:”media”,”view_mode”:”media_large”,”fid”:”8647″,”attributes”:{“alt”:”Ants”,”class”:”media-image”,”height”:”344″,”title”:”Ants”,”typeof”:”foaf:Image”,”width”:”480″}}]]

In seconda battuta, non sarà lui a scendere dal palco ma saranno gli altri a salirci. Gli Ants tornano live nella nostra amata provincia dopo una sosta non breve ma con un intermezzo recente in terra piemontese al Maltese di Cassinasco. In loop c’è ancora “Ants”, il loro album omonimo, 11 tracce di rabbia e amicizia che ritroveremo al Grill Contest di Rivergaro.

[[{“type”:”media”,”view_mode”:”media_large”,”fid”:”8648″,”attributes”:{“alt”:”Sondag”,”class”:”media-image”,”height”:”319″,”title”:”Sondag”,”typeof”:”foaf:Image”,”width”:”480″}}]]

Un salto di 2 settimane per trovare due proposte che rappresentano, in modi diversi, altre due facce fra le più interessanti, e ormai confermate, del rock piacentino. Aprono le danze i Sondag, che saranno tornati da poco da un tour extracomunitario nel Regno Unito, e le chiudono gli Zebra Fink.

[[{“type”:”media”,”view_mode”:”media_large”,”fid”:”8649″,”attributes”:{“alt”:”Zebra Fink”,”class”:”media-image”,”height”:”320″,”title”:”Zebra Fink”,”typeof”:”foaf:Image”,”width”:”480″}}]]

Anche in questo caso, c’è poco da aggiungere a quello che abbiamo scritto per tutte le altre volte che ce li siamo trovati davanti. Il passaggio dalla prima serata è una virata decisa verso un rock più diretto e veloce. Più di stampo underground e meno indie-rock (non che noi amiamo particolarmente questi termini/etichette, ma ancora per qualche volta perdonateci. Ndr). Due proposte per chi ama un rock duro e diretto, con una differenza centrale nei testi, in inglese per i Sondag, in italiano per gli Zebra Fink.