Valtidone Festival 2016, centro del mondo tra stelle e nuovi talenti

61

Il cartellone dell’edizione 2016 del Valtidone Festival si conferma uno degli eventi più significativi della ribalta non solo locale ma addirittura mondiale. Ben 750 sono i musicisti attesi da ben 37 paesi. Nomi altisonanti (dal mandolinista Avi AvitalDado Moroni & Karima, da Mauro Ottolini a Mario Venuti,Tullio de Piscopo e al Direttore d’Orchestra Francesco Lanzillotta tanto per citarne solo alcuni degli oltre 200 che si esibiranno ), tantissimi partecipanti ai concorsi del Val Tidone (una rilevanza così importante che ha portato il concorso fra i primi risultati nelle ricerche internet), moltissimi corsisti che vedono nella qualità del ValTidone Summer Camp una importante occasione formativa. E poi giurati e docenti di chiara fama.
Livio Bollani, Direttore Artistico del Val Tidone è stato molto chiaro anche sul fronte dell’indotto per il territorio: sono attesi 10.000 spettatori, prenotati 3000 posti letto, 8000 pasti che portano ad una ricaduta almeno doppia rispetto al contributo avuto, e quindi in piena sintonia con le linee della Fondazione di Piacenza e Vigevano (Main Sponsor oltre ai comuni di Pianello, Agazzano, Borgonovo, Calendasco, Castelsangiovanni, Gragnano, Nibbiano, Pecorara, Rottofreno, Sarmato e Ziano), presentate da Giorgio Milani, che prevedono finanziamenti solo per quelle realtà che hanno una ricaduta significativa sul territorio.

Ritornando al cartellone, ben 18 concerti in programma, sempre Livio Bollani descrive i criteri che si sono seguiti per la sua stesura: “Sono stati affiancati Big di chiara fama a Giovani musicisti ma dal grande valore artistico e dal sicuro avvenire. Cerchiamo di offrire anche una vetrina importante ai corsisti che hanno quindi la possibilità di esibirsi. Questa formula è quella che permette di far emergere i nuovi talenti, alcuni di questi partendo proprio dal ValTidone, hanno iniziato una carriera importante e, attraverso di noi suonato in importanti manifestazioni. 

Si inizia l’11 giugno a Castel Mantova a Campremoldo Sotto con il duo pianistico Zilan – Zhao, per terminare al Municipale di Piacenza, in collaborazione con Fondazione Teatri di Piacenza e il suo Direttore artistico Cristina Ferrari, il 28 gennaio 2017 con la Filarmonica Toscanini diretta da Francesco Lanzillotta con al piano il vincitore dell’edizione 2015 del trofeo Bengalli Ruben Micieli.

Molte sono le novità per questa edizione! Prima di tutto l’istituzione del Premio “Enrica Prati” sostenuto e fortemente dall’editrice di Libertà Donatella Ronconi che ha rimarcato “innanzitutto ringrazio Livio Bollani per aver accolto il mio desiderio di istituire una borsa di studio intitolata a Enrica rivolta ai giovani del trofeo Bengalli, spero che questo possa davvero aiutare questi giovani musicisti nella loro carriera”

Ma anche 4 MusicHours, aperitivi con la presenza di giornalisti e critici per facilitare, in una situazione conviviale approfondimenti sugli eventi proposti. Il primo dei quali si svolgerà il  2 giugno al Melville dove Bollani illustrerà il festival insieme al Dj Set “D.Jazz Dance” di Fabio Dordoni.