Da venerdì sarà Rock in Trebbia 2016. Si parte con un contest e 4 band

72

Un altro appuntamento fisso dell’estate piacentina è alle porte. Da venerdì sul Lungo Trebbia di Rivergaro sarà il momento di Rock in Trebbia 2016. Anche per quest’anno, come da tradizione a partire dal 1999, i ragazzi di Tramballando hanno preparato 3 giorni di musica, cibo e solidarietà. Tanta musica e tante situazioni musicali diverse per tutte e tre le serate.

Come detto si parte venerdì ed è proprio sulla prima serata di Rock in Trebbia 2016 che ci concentriamo oggi. I live della prima serata nascono tempo fa, quando il 14 marzo i ragazzi di Tramballando hanno aperto il bando per un contest fra band, contest che proprio venerdì vedrà la sua conclusione. I gruppi che sono arrivati alla fase finale sono: Blue Freedom; Lots; Fuoriluogo; Five Plus One.

I ragazzi per vincere il contest dovranno sfidarsi in 5 prove che saranno: cover in inglese; cover in italiano; brano inedito; prova comune: una cover comune a tutte le band; prova “riarrangiamento”. Il tutto avrà 3 giudici d’eccezione, loro sono Celestino Carbone e Germano Pontone (dai Born in the sixty) e Francesco Ultimini, critico musicale e speaker di RayRadioMilano.

Abbiamo già annunciato che i 4 gruppi sono: Blue Freedom; Five Plus One; Fuoriluogo; Lots; ora andiamo brevemente a conoscerli per un piccolo assaggio di quello che ci aspetta venerdì sera.

In ordine alfabetico partiamo dai Blue Freedom. Sono molto, molto giovani (caratteristica comune a tutte le band della serata) e sono da poco scesi da un altro importante palco sulle rive del Trebbia, quello di Orzorock. Il loro è un Indie – alternative rock con radici che viaggiano dal rock anni ’60 e ’70 a quello più vicino agli anni ’90.

[[{“type”:”media”,”view_mode”:”media_large”,”fid”:”6855″,”attributes”:{“alt”:”Blue Freedom”,”class”:”media-image”,”height”:”240″,”title”:”Blue Freedom”,”typeof”:”foaf:Image”,”width”:”480″}}]]

Poi i Five Plus One. Nonostante l’età, anche per loro non è la prima volta che salgono su un palco. La loro musica tocca i grandi classici dagli anni ’80 ad oggi, e grazie anche alla presenza di piano e sax, si caratterizza per la capacità di dare nuove vesti dal sapore blues a pezzi universalmente conosciuti.

[[{“type”:”media”,”view_mode”:”media_large”,”fid”:”6856″,”attributes”:{“alt”:”Five plus one”,”class”:”media-image”,”height”:”240″,”title”:”Five plus one”,”typeof”:”foaf:Image”,”width”:”480″}}]]

A differenza dei primi due gruppi, i Fuoriluogo è da un po’ che non si mostrano in pubblico, di conseguenza sale la curiosità per vedere quanto è maturata la loro proposta. I 5 ragazzi hanno già calcato il palco di Rock in Trebbia nel 2015 e anche in quella occasione hanno portato la loro musica fatta dalla “coverizzazione” di grandi pezzi della cultura rock-metal degli ultimi 20 anni.

[[{“type”:”media”,”view_mode”:”media_large”,”fid”:”6857″,”attributes”:{“alt”:”Fuoriluogo”,”class”:”media-image”,”height”:”262″,”title”:”Fuoriluogo”,”typeof”:”foaf:Image”,”width”:”480″}}]]

Con i Lots la virata è sul pop. I ragazzi, che producono sotto l’etichetta piacentina 523 Records, sono in giro per la provincia per promuovere il loro ultimo album dal titolo “Il mago di Lots” (qui l’intervista: http://bit.ly/29D3pAB), un prodotto che assomiglia tanto ad un concept album di 6 tracce che parte dall’accettazione di sé stessi. Vedremo quale sarà l’estratto che proporranno.

[[{“type”:”media”,”view_mode”:”media_large”,”fid”:”6858″,”attributes”:{“alt”:”Lots”,”class”:”media-image”,”height”:”233″,”title”:”Lots”,”typeof”:”foaf:Image”,”width”:”480″}}]]