Dopo la presentazione ecco la line-up del Bloom

48

Dopo la presentazione di lunedì, eccola la line-up del Bloom. I ragazzi di Propaganda 1984 hanno voluto tenere il riserbo fino all’ultimo minuto, ma ieri finalmente hanno sciolto le riserve e ci hanno presentato le 4 situazioni musicali che prederanno vita il 5 e il 6 maggio fra piazzetta Pescheria e i portici del Duomo.

[[{“type”:”media”,”view_mode”:”media_large”,”fid”:”8659″,”attributes”:{“alt”:”Technoir”,”class”:”media-image”,”height”:”480″,”title”:”Technoir”,”typeof”:”foaf:Image”,”width”:”480″}}]]

Venerdì 5 si parte con Technoir, e come ci aveva anticipato Lodovico Pagani l’altro giorno (qua tutta l’intervista: https://goo.gl/YbhysN), lo start sarà in pieno stampo black music. Una fusione fra origini diverse, che sul palco portano quello che è stato definito un soul sperimentale con il laptop e la chitarra di Alexandros, e la voce di Jennifer. Un duo che, e avete già capito tutto, lo potete trovare anche sul palco del MiAmi.

Secondo passaggio della serata con il djset. Anche qui, sono stati di parola, per il dopo live arriva tanta musica disco. Loro sono “Fare soldi” e ormai da tempo girano sui dancefloor con tante idee e tanti remix che sono diventati col tempo un loro marchio di fabbrica.

[[{“type”:”media”,”view_mode”:”media_large”,”fid”:”8660″,”attributes”:{“alt”:”Revo Fever”,”class”:”media-image”,”height”:”384″,”title”:”Revo Fever”,”typeof”:”foaf:Image”,”width”:”480″}}]]

Per il sabato i suoni tornano quelli di una band di concezione classica abbandonando quelli più elettronici del giorno prima. Sul palco aspetteremo Revo Fever. I loro suoni, racchiusi nell’ultimo album “Vivere al buio”, cambiano velocità, rallentano e accelerano soprattutto in funzione dei testi, belli cantanti e non banali.

La chiusura del Bloom è affidata al djset di Avanzi da Balera, legato ad alcune tracce del passato trasportate ad oggi, con tanti suoni di provenienze diverse, tutte con un solo obiettivo quello di mettere al centro la voglia di ballare.