Folk e pop con The heart and the void all’Irish

236

Continua la rassegna dell’Irish “Sofa pleasure club” e per questo martedì la proposta musicale viene da lontano, da oltre mare, ossia dalla sicuramente più tiepida Sardegna e si chiama The Heart and The Void, all’anagrafe di Cagliari: Enrico Spanu.

Abbiamo appena detto che viene dalla Sardagna ed è un fatto, altro fatto però è che la musica che porta in giro nelle sue varie e ormai costanti trasferte sulla terraferma, oltre 100 date negli ultimi 2 anni e mezzo, ha suoni che ricordano altri luoghi, molto più lontani.

[[{“type”:”media”,”view_mode”:”media_large”,”fid”:”7948″,”attributes”:{“alt”:”The heart and the void”,”class”:”media-image”,”height”:”480″,”title”:”The heart and the void”,”typeof”:”foaf:Image”,”width”:”480″}}]]

Come potete infatti sentire voi stessi cliccando sull’immagine sopra che vi rimanda al pezzo “For The Little While”, i suoni che riempiranno il martedì sera dell’Irish, vengono da ben oltre il Mediterraneo. Infatti musica e stile dei pezzi di The Heart and The Void arrivano sia da oltremanica per quanto riguarda le tonalità più pop, e addirittura da oltreoceano per quanto riguarda la parte folk. Tutto ciò unito spesso con il fingerpicking e, ma questo andava da sé, con testi in inglese.

Non solo live per il ragazzo di Cagliari, infatti dal 2013 in poi è stato costate anche il suo lavoro in studio che lo ha portato prima all’autoprodotto “Like a dancer”, e poi a fine 2014, per Sangue Disken, “A softer skin”. Due album, il primo un vero e proprio ep, ed il secondo più lungo, formato da 6 tracce, a cui si andrà ad aggiungere a breve il suo primo e vero album, in produzione in questo periodo.