PcJazzFest: chiude in bellezza con Danielsson e il Gran Galà

93

Giovedì 6 Aprile (ore 21.15), sarà la suggestiva cornice della Basilica di San Savino ad accogliere il contrabbassista svedese Lars Danielsson in un emozionante e intimo duo col pianista francese Grégory Privat.
Il concerto, ad ingresso gratuito, è inserito negli eventi collegati con la mostra del Guercino a Piacenza ed è sostenuto dalla Fondazione di Piacenza e Vigevano.
Danielsson, si presenterà in duo con il pianista francese di origini martinicane Privat. La loro collaborazione risale alla registrazione del bellissimo cd “Liberetto” registrato con l’obiettivo dichiarato di scoprire nuovi spazi musicali e di esplorare la libertà della musica in una commistione felice di Jazz da camera, suggestioni classiche e musica popolare europea. Intenti insiti nel neologismo del titolo, creato dallo stesso Danielsson per descrivere lo stato d’animo con cui compone, la libertà che ricerca costantemente di esprimere e che rende la sua musica un libro aperto.

Video: Lars Danielsson & Gregory Privat –  “Libretto” @ Ystad Jazz Festival
[[{“type”:”media”,”view_mode”:”media_large”,”fid”:”8605″,”attributes”:{“alt”:””,”class”:”media-image”,”height”:”195″,”typeof”:”foaf:Image”,”width”:”348″}}]]
Lars Danielsson performing live at Ystad Jazz Festival 2015. Featured by Mathias Eick (trumpet), Gregory Privat (piano). Magnus Ostrom (drums), John Paricelli (guitar)

Sabato 8 Aprile (ore 21.15) il Piacenza Festival Jazz, chiude i battenti con il Gran Galà finale, allo spazio “Le Rotative” di via Benedettine. Come tradizione è il momento della premiazone dei finalisti del Trofeo Bettinardi 2017 che si è sempre mosso allo scopo di scoprire, valorizzare i nuovi talenti del Jazz provenienti da tutta Italia e per promuoverne le attività.
Durante la serata sarà finalmente svelata la graduatoria dei vincitori del concorso per le varie sezioni in cui è suddiviso, con l’indicazione tra primo e secondo, e saranno consegnati i relativi premi. Nel corso delle tre finali – dedicate a Solisti, Gruppi e Cantanti – tenutesi nel mese di gennaio al Milestone, infatti, dei cinque o sei in gara, a seconda delle sezioni, erano stati indicati i nomi dei primi due classificati sempre in rigoroso ordine alfabetico. Ricordiamo che per la sezione Solisti la giuria, presieduta dal maestro piacentino Giuseppe Parmigiani, aveva decretato vincitori il pianista Emanuele Filippi di Udine e il saxofonista Niccolò Zanella di Trento. Per la sezione Gruppi si sono classificati, in base al giudizio della giuria presieduta dal saxofonista Tino Tracanna, i Blacksish di Chieti, formazione che vede la cantante Miriana Faieta insieme a Christian Mascetta alla chitarra, Pietro Pancella al basso elettrico e Michele Santoleri alla batteria e Jimbo Tribe da Torvaianica, in provincia di Roma, con Lewis Saccocci al pianoforte, Dario Piccioni al contrabbasso e Nicolò Di Caro alla batteria. Per la sezione Cantanti infine la giuria, presieduta dalla cantante Diana Torto, ha scelto Arturo Caccavale, di Nola (NA) e la parmigiana Giulia Di Cagno.

Ciascun solista, gruppo e cantante classificato al concorso “Bettinardi” si esibirà in un brano a libera scelta; i solisti e i cantanti potranno avvalersi dell’accompagnamento di una sezione ritmica messa a disposizione dall’organizzazione, il trio “Bettinardi”, composto da Gino Marcelli al pianoforte, Alex Carreri al contrabbasso e Luca Mezzadri alla batteria.

Tutti i primi classificati avranno un ingaggio per il prossimo Piacenza Jazz Fest 2018 e saranno inseriti nel cartellone principale del festival. Ogni sezione ha poi dei premi in denaro sia per il primo che per il secondo posto che variano e partono dagli 800 euro e 350 per il secondo classificato tra i cantanti, dai 1200 al primo agli 700 del secondo per i solisti e dai 1.500 euro agli 800 per i gruppi. A ciascun primo classificato, sarà inoltre, assegnato, come ogni anno, il “Premio Libertà” e il suo nome verrà segnalato su riviste nazionali di settore. 

Al termine della serata, non potrà mancare il tradizionale brindisi con il gutturnio e l’ortrugo dell’azienda “Cordani” di Celleri di Carpaneto, accompagnato dai salumi del salumificio S. Rocco di Pontedell’Olio e dal formaggio grana del caseificio Amendolara.