Val Tidone Festival: in arrivo Tullio De Piscopo & Rodolfo Vitale Swing Orchestra

58

Non si può parlare di batteria, percussioni, tamburi in Italia senza che la mente non vada immediatamente a lui, senza ombra di dubbio il più riconosciuto, eclettico, travolgente genio di tutto quanto possa essere colpito con delle bacchette: signore e signori, il Maestro Tullio De Piscopo!
Il Val Tidone Festival ce lo porta sotto casa, per l’esattezza a Pecorara (in caso di maltempo lo spettacolo si svolgerà ugualmente) il 29 luglio

Video: Tullio De Piscopo e Billy Cobham “Caravan”

[[{“type”:”media”,”view_mode”:”media_large”,”fid”:”6931″,”attributes”:{“alt”:””,”class”:”media-image”,”height”:”251″,”style”:”display: block; margin-left: auto; margin-right: auto;”,”typeof”:”foaf:Image”,”width”:”384″}}]]

Il ritmo, il tempo, lo possiede dentro, innato, forse anche merito dei cromosomi che gli sono stati tramandati perchè Giuseppe, suo padre, e’ stato batterista e percussionista nella più importante Orchestra napoletana diretta dal Maestro Giuseppe Anepeta! Lui ha spinto ancora più in là il suo strumento, cominciando con una delle più grandi Orchestre da ballo, quella del maestro Paolo Zavallone per poi stringere collaborazioni con tutti i più importnti musicisti di tutto il mondo: Enrico Intra e Franco Cerri, Adriano Celentano, Mina, Enzo Jannacci, Ornella Vanoni, Iva Zanicchi, Mino Reitano, Toto Cutugno, Roberto Vecchioni, Fabrizio De Andrè, Giorgio Gaber, Pino Donaggio, Domenico Modugno, New Trolls, Atomic System, Franco Battiato, ma anche Astor Piazzolla, Gerry Mulligan, Enrico Pieranunzi, Severino Gazzelloni, Chet Baker e Tony Scott, Gato Barbieri, Billy Cobham, Don Cherry, Bob Berg, Famaudou Don Moye, Wayne Shorter, Alphonso Johnson, e tantissimi altri che non possiamo nominare tutti perchè la lista uscirebbe dallo schermo.

La sua batteria è entrata nelle nostre case anche attraverso il piccolo schermo perchè ospite in importanti trasmissioni, in cui la sua classe, il suo carisma e la sua verve artistica, hanno contagiato il grande pubblico perchè De Piscopo è stato, ed è tutt’ora, un grande e sapiente “Cuoco” riuscendo a mescolare generi diversi avvicinado così tutti noi a suoni e stili (jazz per intenderci) attraverso un percorso di contagio partendo da musiche più facili e orecchiabili come quelle pop. 

Video: Andamento Lento Festival di Sanremo 

[[{“type”:”media”,”view_mode”:”media_large”,”fid”:”6933″,”attributes”:{“alt”:””,”class”:”media-image”,”height”:”216″,”style”:”display: block; margin-left: auto; margin-right: auto;”,”typeof”:”foaf:Image”,”width”:”385″}}]]

 

Lo spettacolo che andremo a vedere a Pecorare è un omaggio a Frank Sinatra e allo swing italiano con Rodolfo Vitale e la sua orchestra. Guest stars della serata, il fisarmonicista Tiziano Chiapelli, salito alla ribalta proprio grazie alla sua affermazione ai Concorsi Internazionali di Musica della Val Tidone nel 1999, e il grande Tullio De Piscopo alla batteria,artista che non necessita certo di presentazioni. 

Tenuto a battesimo dall’indimenticato Lelio Luttazzi nel 2006, il gruppo ha al suo attivo centinaia di concerti in teatri e luoghi prestigiosi, dal Forum di Assago a Piazza Unità d’Italia a Trieste, passando per Montecarlo e altre capitali europee, oltre che per TV come Koper Capodistria, dove è ormai di casa. 
Con Rodolfo Vitale (voce), collaborano musicisti del calibro di Pino Bifano (già chitarrista di Fred Bongusto), Daniele Labelli al pianoforte, Gianni Costantini al basso, Riccardo Zorzi alla batteria, Bruno Del Ben ai sax e Claudio Corrozzatto a tromba e flicorno. 
Oltre ad alcuni tra i brani più famosi di Frank Sinatra, Vitale e la sua Orchestra affronteranno autori italiani come Fred Buscaglione, Bruno Martino, Nicola Arigliano etc., riarrangiandoli in stile swing. Con Tullio De Piscopo, inoltre, si rivisiteranno i suoi più grandi successi, sino ad arrivare ad Astor Piazzolla, con il quale Tullio ebbe modo di suonare per parecchi anni.