VideoTime: “Nella stanza delle armonie”. Canzone per un amico di Maurizio Pitacco

239

Un’amicizia che affonda le radici oltre 40 fa rimasta immutata nel tempo e ancora viva anche se l’amico è mancato.

E l’omaggio migliore non poteva essere altro che una canzone. Una struggente, delicata, intima canzone che riporta al senso della vita, fatta di domande, di esplorazioni dell’animo umano.

Sono gli anni settanta, gli anni dei grandi gruppi, e gli “Oliva Gessi” gruppo dell’Oltrepò Pavese (il nome deriva dal paese d’origine) hanno un posto importante e di tutto rispetto nell’allora panorama musicale. Dopo l’incisione del loro album omonimo nel 1977 appunto, inizia la loro fama con tanti concerti, manifestazioni e trasmissioni televisive, comparendo spesso anche in Rai. Giuseppe “Chico” Brandolini ha poi avuto un buon successo al fianco del grande cantautore Pierangelo Bertoli.

Gli Oliva Gessi erano composti da Claudio Fiocchi, Giuseppe Chico Brandolini, Roberto Casella (basso), Maurizio Pitacco (voce e chitarra) ed Ennio Passador (batteria).

Di loro sono rimasti gli ultimi tre che, sulla spinta del nostro Maurizio Pitacco,  hanno voluto ricordare l’amico Brandolini interpretando un suo brano tratto dall’ultimo disco di “Chico”, il suo testamento spirituale, il disco lasciato in sospeso perchè il soffio della vita è volato via dalle sue labbra.

Video: La stanza delle armonie

A quel disco come egli stesso ricorda, “Chico” ha voluto al suo fianco Maurizio Pitacco che ha preso quella canzone, l’ha fatta sua, rielaborandola, e l’ha interpretata e dedicata all’amico scomparso.

Accanto a lui i suoi vecchi compagni degli “Oliva”, Roberto Casella e Ennio Passador ai quali si sono aggiunti la cantante Jessica Dellafiore e Roberto Facchini al piano